Scroll to Top

Alghero, accoltella barista che gli aveva negato una birra: arrestato pregiudicato 49enne

L’uomo 20 anni fa aveva ucciso un barista per lo stesso motivo. Questa volta l’aggredito è riuscito fortunatamente a sfuggire alla sua furia e a chiamare il 118. Giuseppe Canoligo è stato portato in carcere con l’accusa di tentato omicidio aggravato da futili motivi

Alghero, accoltella barista che gli aveva negato una birra: arrestato pregiudicato 49enne

È stato accoltellato alla schiena per avergli negato una birra all’orario di chiusura del bar. L’episodio è avvenuto sabato notte, in un locale di Via Santa Croce, ad Alghero, quando Giuseppe Canoligo, un 49enne pregiudicato, è andato in escandescenza dopo che il titolare gli ha negato l’ennesima birra, richiesta per di più all’orario di chiusura. Secondo quanto riportato dalla polizia l’uomo, che 20 anni fa uccise un barista per lo stesso motivo, avrebbe estratto il coltello e sferrato dei colpi alla schiena del gestore del bar. Fortunatamente questa volta l’aggredito è riuscito a reagire e a disarmarlo evitando il peggio, e quindi a chiamare il 113 insieme ad altri clienti. A salvargli la vita la cintura di cuoio che indossava, senza la quale, il fendente scagliato dal pregiudicato lo avrebbe con tutta probabilità ucciso. L’aggressore era stato subito rintracciato e denunciato in stato di libertà con l’accusa di lesioni personali, ma giovedì il pm di Sassari, Mario Leo, leggendo il suo curriculum criminale, ha richiesto al gp l’arresto, ritenendo l’uomo socialmente pericoloso. Così Canoligo è stato prelevato e portato nel carcere di Sassari-Bancali con l’accusa di tentato omicidio aggravato da futili motivi. Per l’episodio di 20 anni fa, quando aveva massacrato e ucciso il titolare di un circolo ricreativo di Sassari, scontò una pena di 5 anni in un ospedale psichiatrico giudiziario perchè considerato incapace di intendere e di volere.



Leggi anche: