Scroll to Top

Attentati di Parigi, rischio di allerta massima per gli Europei di calcio 2016

Il presidente della Federazione di Calcio francese Noel Le Great ha assicurato che si è già mosso per garantire la sicurezza in occasione del prossimo Europeo del 2016, dichiarando però che i terroristi posso comunque riuscire a colpire

Attentati di Parigi, rischio di allerta massima per gli Europei di calcio 2016

Dopo gli sconvolgenti attentati terroristici a Parigi, che ha lasciato la città in un vero e proprio clima di terrore, si è pensato subito anche ai prossimi Europei di calcio 2016, che si disputeranno proprio in Francia dal 10 giugno al 10 luglio. Ad esprimere timori per la regolarità della manifestazione, ma soprattutto per la sicurezza di chi vi partecipa, è stato il presidente della Federazione di Calcio francese, Noel Le Great, che dalle pagine del giornale transalpino “L’Equipe” ha dichiarato: «Sono state prese già numerose precauzioni, ma come abbiamo potuto notare dopo i fatti di ieri sera, i terroristi possono colpire quando e come vogliono. Già c’era ansia e preoccupazione per Euro 2016, che da ieri sera è aumentata ancora di più. Il mio pensiero e cordoglio va a tutte le vittime e alle loro famiglie». Saranno 24 le nazioni che disputeranno la manifestazione europea e 54 saranno i match da disputare in ben 10 stadi sparsi per tutto il territorio francese. Nel dettaglio, verranno coinvolte le città di Parigi, Marsiglia, Lione, Lilla, Bordeaux, Tolosa, Lens, Nizza e Saint-Etienne, e dopo ieri sera aumenteranno i sistemi di sicurezza. La preoccupazione dopo i fatti di Parigi è aumentata anche fra i giocatori che dovranno disputare il prossimo Europeo. Bonucci ha dichiarato: «Mi domando cosa ci aspetta nel futuro in occasione del prossimo Europeo, chi di dovere doveva e deve prendere dei provvedimenti, il problema non è solo sorvegliare gli stadi, ma anche bar e ristoranti».

«Sono senza parole»
Anche il giocatore belga della Roma Naingollan ha espresso le proprie paure: «Ho paura per il prossimo Europeo, spero che facciano qualcosa per garantire la sicurezza nostra e del pubblico che viene allo stadio». Anche Platini ha espresso la propria preoccupazione: «Sono senza parole, esprimo la mia vicinanza alla famiglie delle vittime di questi scellerati attentati ed auguro una pronta guarigione ai feriti». Anche la Uefa ha espresso  il proprio dolore e cordoglio. E’ stato deciso inoltre che in tutti i campi di calcio debba essere osservato un minuto di silenzio e i giocatori porteranno il lutto al braccio.



Leggi anche: