Scroll to Top

Barga di Bugliano: violenta esplosione distrugge villetta, padre e figlia rimasti ustionati

E’ accaduto ieri mattina a Barga, frazione di Bugliano, in provincia di Lucca; un’esplosione ha distrutto e scoperchiato una villetta unifamiliare. Feriti ed ustionati i due occupanti della casa, padre e figlia di 78 e 44 anni

Barga di Bugliano: violenta esplosione distrugge villetta, padre e figlia rimasti ustionati

Ieri mattina un terrificante boato ha svegliato improvvisamente la frazione di Barga, nel paese di Bugliano, in provincia di Lucca: un’esplosione, forse riconducibile ad una fuga di gas Gpl, ha praticamente distrutto una villetta unifamiliare. La scena che si è presentata ai soccorritori era terrificante; la villetta è stata completamente scoperchiata dallo scoppio, il tetto ha ceduto ed anche le pareti esterne sono state danneggiate. All’interno, ovviamente, c’erano il caos e danni gravissimi. Sul posto sono subito giunti i vigili del Fuoco di Lucca ed anche i sanitari del 118, che hanno salvato le due persone ferite che occupavano la casa, padre e figlia di 78 e 44 anni. Le loro condizioni non sarebbero gravi, anche se la donna ha riportato ustioni alle braccia e al volto ed è stata trasportata all’ospedale Cisanello di Pisa, mentre il padre si trova al nosocomio San Luca di Lucca, ma avrebbe riportato ferite molto più lievi.

Il gas all’origine dell’esplosione
Secondo le prime ricostruzioni, la figlia, avvertendo un forte odore di gas, si è recata nella cucina che si trova a fianco della veranda in muratura attaccata alla villetta; ha subito aperto le finestre, ma inavvertitamente ha anche acceso la luce innescando così l’esplosione. Per fortuna, il tetto della veranda è esploso subito fornendo una via di fuga alla forza dello scoppio, indirizzandolo verso l’esterno; il fatto ha sicuramente impedito che l’intera casa crollasse con conseguenze tragiche per i due abitanti. Subito dopo il tremendo boato, avvenuto attorno alle 12, sono subito intervenuti i vicini che hanno allertato il 118. Immediato è stato anche l’intervento dei vigili del Fuoco, intervenuti con diversi mezzi e uomini, mentre subito dopo sono giunti i carabinieri della locale stazione di Barga.



Leggi anche: