Scroll to Top

Biopsia, la lotta al cancro diventa digitale grazie a una ricerca made in Italy

La “biopsia digitale” permette di vedere le cellule tumorali una per una per trovare una cura specifica per ciascun paziente, valutando in anticipo e con precisione estrema la risposta del tumore. Si tratta di una ricerca made in Italy messa a punto dalla Silicon Biosystems Menarini

Biopsia, la lotta al cancro diventa digitale: la ricerca è made in Italy

Arriva la nuova “biopsia digitale”, una tecnologia che permette di vedere ogni singola cellula del tumore e di analizzarne il genoma e le mutazioni senza alcuna interferenza, in modo da trovare la giusta cura per ogni paziente. La ricerca è stata messa a punto dalla Silicon Biosystems Menarini, grazie a due esperti italiani, e l’eccellente risultato è stato già descritto su ‘Scientific reports’, rivista del gruppo Nature. In sostanza adesso le unità tumorali potranno essere scansionate grazie a questa “biopsia digitale” come se fossero pixel e verranno confrontate con quelle delle cellule sane. Lo spiega dettagliatamente l’inventore della tecnologia, Gianni Medoro: «Con il nuovo test sarà possibile digitalizzare le cellule tumorali di un campione anche esiguo, analizzarle una per una isolandole come gruppi omogenei e mapparne il genoma mettendolo a confronto con quello delle cellule sane presenti nella biopsia». «Molto spesso, circa in un paziente su sei, la percentuale di cellule tumorali presenti nel campione di una biopsia è troppo bassa per avere una valutazione affidabile delle caratteristiche genetiche del tumore. Questa è però una condizione necessaria per la scelta della terapia», ha aggiunto Nicolò Manaresi, coordinatore dello studio. «Grazie alla nostra tecnica possiamo disgregare la biopsia fino ad avere una sospensione di cellule libere che vengono passate nel sistema per essere digitalizzate una per una», ha proseguito il ricercatore specificando che in questo modo ogni cellula diventerà un pixel che sarà monitorato con estrema precisione per «consentire di eliminare il rumore di fondo presente quando le cellule tumorali sono poche o quando non tutte esprimono le stesse mutazioni».

Ricerca tutta italiana
Un’innovazione tutta Made in Italy che aiuterà nella lotta al cancro e che apre la strada verso una medicina più personalizzata. I ricercatori della Silicon Biosystems Menarini sperano infatti di poterla utilizzare per classificare meglio i pazienti, arrivando al più presto a curarli con farmaci specifici e «valutando in anticipo e con precisione estrema la risposta del tumore».



Leggi anche: