Scroll to Top

Brindisi, tentano di stuprare 25enne e lo abbandonano nudo in strada: 4 arresti

Il ragazzo è stato caricato a forza sull’auto e picchiato con calci, pugni e catene. Dopo hanno tentato uno stupro di gruppo e lo hanno lasciato senza nulla addosso nella zona industriale di Francavilla

Brindisi, tentano di stuprare 25enne e lo abbandonano nudo in strada: 4 arresti

Avevano tentato di stuprarlo in gruppo. Dopo lo hanno picchiato violentemente con pugni, calci e catene, per lasciarlo infine senza nulla addosso per strada. È successo a Brindisi, nella zona industriale di Francavilla, ai danni di un 25enne di Andria. Arrestati dai carabinieri di Brindisi gli autori del drammatico episodio: due uomini e due donne, accusati dal pubblico ministero Valeria Farina Valaori di tentata violenza sessuale di gruppo, sequestro di persona, lesioni gravissime e rapina. Gli indagati sono stati identificati, rintracciati e ammanettati dai militari al comando del colonnello Alessandro Colella, secondo i quali il movente del pestaggio sarebbe legato a questioni di droga. Gli accusati, secondo quanto appurato frequentatori assidui di Rave Party, sono stati rintracciati oltre che nel Brindisino anche a Bologna e nelle province di Varese e Rimini. La vittima del pestaggio fu ritrovata il 6 ottobre dopo la segnalazione di alcuni passanti che lo avevano visto aggirarsi senza vestiti nella notte. Immediato l’arrivo sul posto dei militari dell’Arma e dei sanitari del 118, che lo hanno trasportato d’urgenza all’ospedale dove è stato ricoverato in gravissime condizioni. I medici hanno riferito che il 25enne ha rischiato anche di perdere la vista.

Caricato a forza dai suoi aggressori
Dalla ricostruzione dei fatti e dalla sua stessa testimonianza, il ragazzo sarebbe stato caricato a forza nell’auto dei suoi aggressori, e picchiato con calci, pugni e catene. Dopo i 4 autori della violenza, oggi arrestati dai carabinieri di Brindisi, hanno tentato di abusare di lui in gruppo, lo hanno rapinato e abbandonato senza nulla addosso nella zona industriale di Francavilla. Gli arresti sono stati eseguiti su ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip Maurizio Saso su richiesta del pm Valeria Farina Valaori.



Leggi anche: