Scroll to Top

Cagliari: migrante malato di scabbia tenta la fuga dall’ospedale ma precipita dalla finestra

Temeva che presto lo avrebbero dimesso per portarlo in galera, così ha tentato la fuga dall’ospedale. Ma qualcosa è andato storto ed è morto

Cagliari: migrante malato di scabbia tenta la fuga dall'ospedale ma precipita dalla finestra

Tragedia all’ospedale Santissima Trinità di Cagliari. Un profugo eritreo di nome Teklemerian, 23 anni, sbarcato proprio a Cagliari lo scorso 2 dicembre, era ricoverato, insieme ad altri migranti, nel reparto malattie infettive perché affetto da scabbia. Ma ha tentato di fuggire calandosi dalla finestra ed è morto sul colpo. È successo la notte scorsa, intorno all’1.20, quando qualcosa è andato storto nel suo piano di fuga portandolo alla morte. Secondo quanto riportato dai carabinieri l’eritreo, sbarcato a Cagliari lo scorso 2 dicembre dalla nave della marina spagnola Canarias che lo aveva soccorso insieme ad altri profughi a largo delle coste libiche, si trovava in una stanza al terzo piano dell’ospedale Santissima Trinità perché affetto da scabbia. Doveva semplicemente sottoporsi a specifici trattamenti e, da quanto sostengono i medici, sarebbe stato dimesso poco dopo. Invece la tragedia. Non se ne conosce il motivo, ma l’uomo, come se fosse segregato o recluso, ha tentato la fuga. Prima di tutto avrebbe legato delle lenzuola per formare una sorta di corda, e poi si sarebbe calato dalla finestra per fuggire. Ma qualcosa è andato storto, forse a causa delle lenzuola che non hanno retto il suo peso, o forse perché non è ben riuscito a mantenere salda la presa. Fatto sta che è scivolato giù, facendo un volo di diversi metri e sbattendo la testa al suolo. Inutile l’intervento dei sanitari, per il giovane non c’è stato nulla da fare: è morto sul colpo. Sul posto anche i carabinieri locali per indagare sulla vicenda e ricostruire i fatti.

«Voleva a tutti i costi raggiungere la Germania»
Intanto gli altri migranti arrivati insieme a lui in Sardegna hanno raccontato la sua storia. Teklemerian temeva che dopo le cure lo avrebbero portato in galera. Era sbarcato il 2 dicembre sulle coste del sud della Sardegna, ma voleva raggiungere disperatamente alcuni parenti in Germania, per cercare un futuro migliore, lontano dalla guerra e dalla povertà. Non voleva assolutamente che il suo sogno si infrangesse così, chiuso in una stanza d’ospedale, e per questo ha tentato la fuga. «Aveva paura che lo bloccassero, credeva che dopo l’ospedale sarebbe finito in carcere. Voleva arrivare nel Nord Europa e non si aspettava di sbarcare su un’isola», ha raccontato un migrante. «Era fuggito per cercare un futuro migliore e invece ha trovato una morte terribile. Raccontava dei suoi grandi progetti, voleva raggiungere alcuni parenti in un’altra nazione d’Europa, forse in Germania», ha aggiunto un altro ragazzo. I carabinieri della compagnia di Cagliari continuano ad indagare sulla vicenda, ma a questo punto la storia è abbastanza chiara.



Leggi anche: