Scroll to Top

Campagna shock di Amnesty International: la differenza tra svegliarsi in Siria e in Australia

Amnesty International mette a confronto il risveglio di una bambina australiana ricca e una coetanea siriana povera con la guerra in casa. La campagna è volta ad aiutare le famiglie siriane ad avere un rifugio sicuro. Guardala!

Campagna shock di Amnesty International: la differenza tra svegliarsi in Siria e in Australia

Quanti bambini, e non solo bambini, si lamentano ogni giorno perché manca loro qualcosa di assolutamente non fondamentale? Bronci, capricci continui e insistenze, senza pensare che in moltissimi altri paesi del Mondo ci si accontenta delle rimanenze della sera precedente per iniziare un’altra triste giornata, per molti l’ultima. Parte da qui la nuova campagna lanciata dalla sezione australiana di Amnesty International per incentivare alle donazioni, che tende ad evidenziare in uno straziante video le differenze tra due Paesi molto diversi tra loro. E l’immagine è divisa in due, per rimarcare tutto ancora di più, tra lo scenario, i colori, e soprattutto i volti degli interpreti: il sorriso e la serenità di una famiglia australiana ricca e in pace da una parte, e la tristezza e l’incertezza del domani di una famiglia che vive in Siria, con la guerra in casa.

Serenità da una parte e sofferenza dall’altra
Un video straziante che non lascia indifferenti, in cui si racconta l’inizio della giornata di due ragazzine come tante, coetanee ma che vivono in due mondi opposti. Da una parte una bambina che abita in Australia, appena sveglia e pronta per la colazione. L’unico turbamento dei genitori è la mancanza del latte che si sono dimenticati di comprare. Ma in un attimo il padre si cambia, prende le chiavi e corre a provvedere. Dall’altra parte invece una ragazzina siriana, che vive con la famiglia tra continue preoccupazioni e mancanze. Ed è proprio nel suo caso che una tazza di latte basterebbe per farle tornare il sorriso. Dal filmato emerge tutta la sofferenza con cui da anni le famiglie siriane sono costrette a convivere, giorno dopo giorno, con il timore che domani non ci siano neppure le rimanenze della sera precedente. Amnesty International vuole evitare proprio questo: che quel giorno non arrivi. E ha lanciato questa campagna per aiutare le famiglie siriane ad avere un rifugio sicuro. Guardatela! È straziante, ma vi farà fermare un attimo a pensare.



Leggi anche: