Scroll to Top

Caso Regeni, stop F16: Egitto deluso dalla decisione del Senato. Si inclinano i rapporti

Il Senato ha deciso di bloccare la fornitura di pezzi di ricambio per gli F16 all’Egitto con 159 voti a favore, 55 contrari e 17 astenuti. Delusa la Repubblica araba e il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri, definendo lo stop un atto irresponsabile

Caso Regeni, stop F16: Egitto deluso dalla decisione del Senato. Si inclinano i rapporti

Numerosi pezzi di ricambio per gli F16, accatastati e mai utilizzati, erano pronti per essere ceduti, a titolo gratuito all’Egitto dallo Stato Italiano. Poi il ripensamento. La mancata collaborazione del governo egiziano per fare chiarezza sulle torture subite dal ricercatore italiano Giulio Regeni, ha incrinato i rapporti tra i due Paesi. Con 159 voti a favore, 55 contrari e 17 astenuti, il Senato ha deciso di bloccarne la fornitura. L’emendamento ribattezzato “emendamento Regeni” non vuole rappresentare un atto ostile al Paese arabo ma un segnale chiaro. «Non è un atto di ostilità verso la Repubblica araba d’Egitto, un Paese che combatte il terrorismo, del quale siamo amici e alleati. È piuttosto un segnale che ha l’obiettivo di sollecitare una più proficua collaborazione tra le rispettive autorità giudiziarie affinché si possa fare subito piena luce sulla morte di Giulio Regeni. Se un italiano subisce un’ingiustizia, come nel caso dei marò, o peggio perde la vita, l’Italia ha il dovere di appurare tutta la verità. Su questo punto non dovrebbe esserci polemica politica ma solo una grande solidarietà nazionale», ha specificato e sottolineato Nicola Latorre, presidente della commissione Difesa al Senato.

Delusione dall’Egitto e dal Senatore di Forza Italia
Naturalmente una decisione che lascia deluso l’Egitto. «Questo passo non è in armonia con la portata della cooperazione esistente tra gli inquirenti dei due Paesi sin da quando è stato scoperto il caso e con il rapporto speciale che lega i due Paesi a tutti i livelli», ha dichiarato in una nota il ministero degli Esteri egiziano. Il senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri lo definisce un atto irresponsabile. «Hanno perfettamente ragione le autorità egiziane a protestare per il voto del Pd di Renzi e della sua maggioranza al Senato con il quale è stata sospesa, contro il parere delle opposizioni, la fornitura di pezzi di ricambio per gli F16. La verità su Regeni va cercata in Egitto ma anche a Cambridge. L’Italia si deve far rispettare, l’Egitto deve collaborare, ma quegli F16 volano agli ordini di chi combatte il terrorismo fondamentalista e difende la sicurezza di tutti noi», ha dichiarato con tanta amarezza.



Leggi anche: