Scroll to Top

Catania, abusava delle nipoti di 4 e 7 anni: arrestato 60enne

A denunciare i fatti la mamma delle piccole vittime dopo che le stesse le avevano coraggiosamente confessato tutto. L’orco, residente a Milano, abusava delle due nipotine quando andava a trovarle in Sicilia durante le vacanze

Catania, abusava delle nipoti di 4 e 7 anni: arrestato 60enne

Abusava ripetutamente delle sue nipotine, due bambine di 4 e 7 anni. Si tratta dell’ennesimo caso di abuso su minori, stavolta scoperto a Catania e raccontato dalle stesse vittime. L’orco è un uomo di 60 anni, ex appartenente alle forze dell’ordine in congedo dal servizio, e residente a Milano. Dalla ricostruzione dei fatti è emerso che l’uomo avrebbe compiuto tali nefandezze nei confronti delle nipoti quando andava a trovare i suoi parenti in Sicilia, precisamente durante le festività natalizie o le ferie estive. Alla fine delle indagini è stato arrestato dalla polizia di Catania con l’accusa di abusi sessuali. Nei confronti del pedofilo 60enne gli agenti della squadra mobile di Catania, in collaborazione con i colleghi della Questura di Milano, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. A far partire le indagini, coordinate dal procuratore aggiunto Marisa Scavo e dal sostituto Laura Garufi, le denunce della mamma delle piccole vittime dopo che avevano trovato il coraggio di riferirle le violenze costrette a subire dal parente. Pare inoltre che la mamma delle bimbe abbia sporto denuncia contro il volere di altri familiari, che, nonostante la gravità dell’avvenimento e il triste racconto delle sorelline, la pressavano continuamente per convincerla a mantenere il silenzio sulla vicenda.

Incastrato da una neuropsichiatra infantile
Le bambine, assistite da una neuropsichiatra infantile, hanno poi confermato alla polizia le violenze subite, fornendogli un racconto estremamente dettagliato. In questo modo gli investigatori della Squadra Mobile di Catania hanno eseguito indagini minuziose ottenendo subito degli ottimi riscontri per consentire alla Procura di richiedere la misura cautelare in carcere del pedofilo, emessa dal Gip ed immediatamente eseguita, in collaborazione con la Squadra Mobile di Milano.



Leggi anche: