Scroll to Top

David Bowie: aperto a New York il testamento del cantante, le ceneri sparse a Bali

E’ stato aperto a New York il testamento del cantante scomparso a 69 anni per un tumore al fegato: alla moglie è andato metà del patrimonio, ma ci sono lasciti anche per la segretaria e la baby sitter. Le ceneri di Bowie sono state sparse a Bali

David Bowie: aperto a New York il testamento del cantante, le ceneri sparse a Bali

Le ultime volontà di David Bowie sono state rese note dopo l’apertura del testamento a New York: le ceneri sono state sparse a Bali, mentre alla moglie Iman è andata metà del patrimonio. La notizia è stata diffusa dal “New York Post”; il testamento del cantante, morto lo scorso 10 gennaio, sarebbe stato redatto nel 2004, precisamente il 24 agosto, e porta la firma del vero nome di Bowie: David Robert Jones. L’apertura è avvenuta a New York perchè il testo era depositato presso il tribunale di Manhattan. Non si sa nulla invece di un ipotetico funerale o di una semplice cerimonia che forse è avvenuta in forma privata, l’unica notizia certa è che il corpo di Bowie è stato cremato. Proprio nel testamento, il cantante chiedeva che le sue ceneri fossero sparse a Bali, un posto dove aveva trascorso alcuni periodi in passato, con un rituale buddista.

Il testamento e il patrimonio
Il testamento è composto da una ventina di pagine e contiene alcune disposizioni economiche. Il patrimonio dell’artista inglese, tra soldi e proprietà, è stimato in 100 milioni di dollari e sarà diviso tra la moglie Iman e i due figli di Bowie, Duncan Jones, avuto dalla prima moglie, e la 15enne Lexi Zahra Jones; ma cospicue somme sono andate anche alla baby sitter Marion Skene, che percepirà un milione di dollari per essersi presa cura di Duncan dopo il divorzio dalla moglie, e all’assistente personale del cantante, Corinne Coco Schwab, che avrà due milioni di dollari, oltre ad essere anche la persona designata a prendersi cura dell’adolescente Lexi nel caso in cui Iman venisse a mancare prima che la ragazza compia 18 anni. A Iman andrà la metà del patrimonio e la casa di Soho a New York; se dovesse volerlo, potrà anche chiedere aggiunte per questioni di salute o per l’educazione della figlia. Il figlio, 44enne, avrà 25 milioni di dollari, mentre la figlia potrà accedere alla sua parte di eredità al compimento dei 25 anni.



Leggi anche: