Scroll to Top

Diventare consulente del lavoro, ecco come fare e perchè scegliere tali studi

Trovare un impiego rappresenta una vera e propria impresa e in un momento di crisi come quello che sta investendo il mondo del lavoro ecco che il settore delle risorse umane sembra essere sempre più in crescita tanto da assorbire, giorno dopo giorno, un numero sempre crescente di lavoratori

Diventare consulente del lavoro, ecco come fare e perchè scegliere tali studi

Sono veramente moltissimi i giovani, ma anche gli adulti, che purtroppo si trovano a dover affrontare ogni giorno la disperata ricerca di un lavoro che però tende a non arrivare mai. Trovare un impiego, ad oggi, rappresenta una vera e propria impresa e in un momento di crisi come quello che, ormai da diversi anni, sta investendo il mondo del lavoro ecco che il settore delle risorse umane sembra essere sempre più in crescita tanto da assorbire, giorno dopo giorno, un numero sempre crescente di lavoratori. Va inoltre sottolineato che ormai da qualche anno all’interno delle aziende è molto richiesta una particolare figura ovvero quella del consulente del lavoro indispensabile oltre che nel mondo aziendale anche all’interno degli studi di consulenza. Per diventare un consulente del lavoro bisogna seguire prima un determinato percorso di studi e soprattutto avere una grande passione per il lavoro che, dopo aver conseguito i titoli di studio necessari, si andrà a svolgere. Per chi ha le idee chiare sul proprio futuro ecco che l’ideale sarebbe per prima cosa conseguire un diploma in ragioneria e successivamente un diploma di laurea che sarà necessario per esercitare la professione. Si può scegliere ad esempio di intraprendere un percorso di studi in giurisprudenza, in scienze politiche oppure ancora in economia ma ad oggi è anche possibile trovare dei percorsi accademici ideati e creati proprio per introdurre ed avviare i giovani nel mondo della consulenza del lavoro.

Dopo aver conseguito la laurea sarà necessario effettuare il praticantato, solitamente per un periodo di circa due anni, presso lo studio professionale di un consulente del lavoro oppure di un altro professionista come ad esempio un avvocato o un commercialista e successivamente effettuare la preparazione all’esame di Stato grazie al cui superamento potrete finalmente diventare consulenti del lavoro.

Se la domanda che vi state ponendo è quali siano, nello specifico, le mansioni svolte nell’ambito della consulenza del lavoro ecco che è opportuno precisare che il consulente del lavoro viene identificato come un professionista dell’area giuridico – economica che svolge tutte le attività che riguardano l’amministrazione del personale-dipendente come ad esempio occuparsi degli aspetti del personale dell’azienda e quindi le modalità di retribuzione, la gestione degli aspetti contabili, ed inoltre anche curare il rapporto dell’azienda per cui il consulente lavora con diverse istituzioni pubbliche come l’Agenzia delle Entrate.

Perché scegliere di intraprendere studi per la consulenza del lavoro è una domanda che in molti si pongono è la risposta è semplice, rappresenta ad oggi una figura professionale abbastanza richiesta nonostante, il mondo del lavoro non stia attraversando un periodo particolarmente roseo.



Leggi anche: