Scroll to Top

Elezioni in Grecia: Syriza vince per la seconda volta, Tsipras ancora premier

Tsipras vince per la seconda volta le elezioni e giura come premier; l’affluenza degli elettori è comunque calata di molto rispetto a gennaio. Il leader di Syriza potrebbe forse decidere di riconfermare Tsakalotos come ministro delle Finanze

Elezioni in Grecia: Syriza vince per la seconda volta, Tsipras ancora premier

Syriza, il partito del premier Alexis Tsipras, ha vinto alle elezioni politiche greche domenica, contro ogni pronostico; Tsipras ha quindi giurato ieri come premier per la seconda volta. Ieri pomeriggio, inoltre, Tsipras ha anche incontrato il presidente della Repubblica ellenica, Prokopis Pavlopoulos; la nuova formazione di governo sarà resa nota entro mercoledì, ma una fonte vicinissima al partito Syriza ha fatto sapere che il premier avrebbe intenzione di riconfermare Euclid Tsakalotos al dicastero delle Finanze. Il partito di Tsipras, fino all’ultimo, aveva un esito incerto durante le elezioni, ma si è infine imposto con il 35,5% dei consensi ottenendo 145 seggi su 300 del totale in Parlamento, mentre lo sfidante, il partito Nuova democrazia, è arrivato secondo al 28,1%. L’affluenza elettorale, a ogni modo, è diminuita molto rispetto al gennaio scorso arrivando al 56,6% contro il 63% delle elezioni invernali; al suo primo discorso da neoeletto, Tsipras ha subito messo in chiaro che gli obiettivi del suo nuovo governo saranno ripristinare la fiducia nell’economia e nel sistema bancario della Grecia e trattare con i creditori per un alleggerimento del debito. Inoltre, il premier formerà un governo di coalizione con il partito di destra “Greci indipendenti”, lo stesso alleato della prima vittoria elettorale di Syriza.

I partiti sconfitti nel nuovo Governo
A quanto pare, il nuovo esecutivo sarebbe interessato ad ottenere un più ampio consenso coinvolgendo anche i partiti sconfitti alle elezioni di domenica. Secondo alcuni funzionari della zona Euro, i governi dell’Ue sarebbero disposti a porre un tetto annuo del 15% del Pil sul costo della raccolta per alleggerire il debito e sostenere una ripresa dell’economia ellenica.



Leggi anche: