Scroll to Top

Eros presenta il ‘Perfetto World Tour’ e le ‘canta’ anche a Marino: “Roma è sporca. Il sindaco non va bene”

A cinque anni dall’ultimo tour mondiale, Eros presenta il Perfetto World Tour: «Sarà uno degli spettacoli migliori che abbia mai fatto». E si scaglia contro Marino: «Roma è abbandonata a se stessa. Il sindaco che c’è ora non va bene, bisogna cambiare»

Eros presenta il ‘Perfetto World Tour’ e le ‘canta’ anche a Marino: "Roma è sporca. Il sindaco non va bene"

Milanese d’adozione ma romano di nascita, Eros Ramazzotti si scaglia pesantemente contro il sindaco Marino e il suo cattivo operato. «Roma vista da fuori è sporca e abbandonata a se stessa. Il sindaco che c’è ora non va bene, non fa nulla, bisogna cambiare. A partire dalla mentalità di chi amministra e di chi ci vive», ha detto il cantautore durante l’incontro con i giornalisti in cui ha presentato il Perfetto World Tour. «Altro che caput mundi…», ha puntualizzato. «Se Renzi un giorno è qui, l’altro è là, non sta mai a casa, e anche in Parlamento non ci sta mai, come si risolvono i problemi? In un Paese come il nostro per cambiare le cose ci vorrà molto tempo. Il problema è tutto di mentalità», ha aggiunto critico Ramazzotti. Dopo l’anteprima di Rimini, il 12 settembre, Eros, ormai a cinque anni dall’ultimo tour mondiale, è partito alla grande con il suo ‘Perfetto World Tour’ dall’Arena di Verona, con oltre due show per una scaletta di ben 27 brani, incentrata sull’ultimo album ma anche su molti classici. La tournée andrà avanti fino al 7 novembre con 27 date in arene e palasport di mezza Europa, per poi continuare in primavera, sempre all’estero e con un ampio giro della Russia. «In questo show c’è musica e impatto visuale, credo sia uno degli spettacoli migliori che io abbia mai fatto», ha assicurato l’artista internazionale. Tra le novità del tour un impianto scenico di forte impatto, con un grande uso di visual, curati dal noto Luca Tommasini. «La protagonista resta però la musica», ha sottolineato Eros esprimendo anche il desiderio di firmare un album blues, ma forse a 60 anni perché «adesso ho un contratto discografico e il mio mondo è il pop».

Aurora a X Factor? «Una sua scelta, non mi tocca»
Nella lunga chiacchierata con i giornalisti non si poteva escludere l’argomento Aurora. La figlia di Eros e Michelle Hunzicker è infatti da settimane sotto il mirino del web per la sua partecipazione a X Factor durante la striscia del day-time. «È stata una sua scelta e non mi tocca. L’importante per me è averle dato la giusta strada. Aurora è un mix tra me e sua madre. Io davanti alla gente scappo, lei si butta, ha voglia di fare, di essere presente. Va dritta come un’ariete», ha detto. E la difende ancora dalle polemiche: «Se l’hanno scelta a X Factor è perchè ha delle qualità, non perchè io l’abbia raccomandata. Non conosco nessuno in tv».



Leggi anche: