Scroll to Top

Expo 2015, Bono e Renzi insieme nella lotta alla fame e alla povertà

In visita all’Esposizione universale di Milano il leader degli U2 ha spiegato che ‘il problema non è la mancanza di cibo, ma la mancanza di volontà di ridistribuire il cibo”. Renzi condivide: “Non basta commuoversi, bisogna mettersi in movimento”

Expo 2015, Bono e Renzi insieme nella lotta alla fame e alla povertà

“Possiamo risolvere il problema della fame, della povertà e dei conflitti nel mondo. Per i primi due posso esprimermi con fiducia quando dico ‘sì assolutamente’. C’è già abbastanza cibo disponibile per nutrire il mondo, il problema non è la mancanza di cibo, ma la mancanza di volontà di redistribuirlo”. Sono le parole di Bono Vox intervenuto a Expo durante un evento organizzato per promuovere il World Food Programme. E parlando dell’immigrazione ha chiarito: “Non sono migranti, non dobbiamo chiamarli così. La parola giusta è ‘rifugiati’”. “Queste persone non lasciano le loro case perché vogliono vivere in Italia o in Irlanda. Lasciano i loro Paesi perché non hanno casa. Dunque è sbagliato usare la parola migranti”, ha ribadito il leader degli U2. A condividere il suo pensiero anche il presidente del Consiglio Matteo Renzi che ha voluto sottolineare come la lotta alla fame e alla povertà siano il motivo per cui fare politica. “L’Italia negli ultimi anni non si è impegnata abbastanza nella cooperazione internazionale. L’impegno che prendiamo da qui al 2017 è tornare al quarto posto nella classifica dei Pesi del G7 per cooperazione internazionale. No scuse, ritorniamo al nostro posto”, ha detto il premier. “Non basta commuoversi quando vediamo quelle immagini di quel bambino, che potrebbe essere nostro figlio, è giusto commuoversi ma bisogna mettersi in movimento”, ha poi concluso.

Prima di incontrare il premier Renzi, Bono ha visitato il padiglione zero dell’Esposizione universale di Milano, accompagnato dal ministro dell’Agricoltura, Maurizio Martina, e dal commissario Giuseppe Sala. “Sono molto contento di vedere che si invita allo ‘spreco zero’ , grazie per aver allestito una sala come questa”, ha detto il cantante. Subito dopo ha fatto tappa al padiglione del suo Paese natale, l’Irlanda, per poi dirigersi al media center e intervenire all’evento ‘It begins with me. How the world can end hunger in our lifetime’ (Comincia da me. Come il mondo può porre fine alla fame nell’arco della nostra vita), organizzato dall’agenzia delle Nazioni Unite specializzata nell’assistenza alimentare.

Per la sua visita all’Expo migliaia di fans e visitatori in delirio e soprattutto la grande soddisfazione del ministro Martina che ha voluto citare una frase del cantante per esprimere il senso dell’evento da lui organizzato: “Dove vivi non deve determinare se vivi”. “Ecco, in questa frase c’è tutto il senso del nostri impegno, quello dei governi e delle istituzioni, quello dei cittadini. Per questo questa giornata segna una pietra miliare di questa Expo, ringraziamo l’Irlanda e Bono per il loro impegno a sostegno del World Food Programme”, ha concluso il ministro dell’Agricoltura.



Leggi anche: