Scroll to Top

Festival di Sanremo 2016, Arisa ci riprova con “Guardando il cielo”

Dopo due vittorie e un’esilarante esperienza come valletta, Arisa ci riprova e torna sul palco dell’Ariston in gara con “Guardando il cielo”, un brano in cui crede tantissimo: «Nasce da una forte spiritualità, è un guardare alla vita come un dono, con fiducia nel domani». E tifa per Patty Pravo: «E’ l’esempio della vita che non finisce per l’età. Perché la vita è attuale dal primo all’ultimo giorno»

Festival di Sanremo 2016, Arisa ci riprova con "Guardando il cielo"

Rosalba Pippa, in arte Arisa, conosce bene il palco del Festival di Sanremo e ormai non lo teme più: nel 2009 ha vinto nella categoria “Nuove Proposte” con “Sincerità”, diventato poi un vero tormentone, nel 2012 è arrivata seconda con “La notte”, mentre nel 2014 ha trionfato nei “Big” con “Controvento”, infine nella scorsa edizione ha fatto da valletta a Carlo Conti, insieme ad Emma Marrone. Ma vuole riprovarci, e lo farà con un brano scritto da Giuseppe Anastasi, “Guardando il cielo”, da cui prende il titolo il nuovo album che uscirà il 12 febbraio. «Nasce da una forte spiritualità, è un guardare alla vita come un dono, con fiducia nel domani. Non necessariamente riconducibile ai dogmi della chiesa. Io entro in tutte le chiese, protestanti anglicane…», ha spiegato la cantante in un’intervista rilasciata al Tgcom24. Dell’album in generale ha voluto sottolineare invece che si tratta di «un disco costruito sulla fiducia», quella che ha ritrovato in se stessa e che ha finalmente trovato negli altri. Arisa ha deciso di puntare all’ottimismo oltre che all’amore, scoprendo anche temi impegnati come l’ambiente e le culture diverse: «E’ il lavoro che sancisce la crescita dell’artista che non ha paura di mettersi in gioco».

«Questo brano è come un vestito per le feste»
Arisa vorrebbe che la canzone che presenterà a Sanremo arrivi a più gente possibile: «Per me questo brano è come un vestito che tieni per le feste, aspettavo da tempo di poterlo cantare. Adesso è finalmente arrivato il momento». Spiega poi che a “Guardando il cielo”, così come all’intero album, ci crede fermamente: «Ho deciso di fare musica solo se ho delle cose da dire, e in questo album ho tante cose da dire. Al massimo, se mi va male, farò la mamma a tempo pieno». Spera dunque in un’altra grande vittoria sul palco dell’Ariston, ma non nasconde di fare il tifo per la ‘rivale’ Patty Pravo: «E’ l’esempio della vita che non finisce per l’età. Perché la vita è attuale dal primo all’ultimo giorno».



Leggi anche: