Scroll to Top

Florida, svelato il mistero della 27enne violentata e strangolata: il killer è il portiere del condominio

La ragazza è stata ritrovata morta sul suo letto con la camicetta strappata. A violentarla e ucciderla la guardia di sicurezza del complesso residenziale in cui viveva, un uomo senza precedenti penali di cui si fidava e che in sua difesa aveva dichiarato di non essere mai entrato in casa con lei, ma le impronte sul pavimento hanno rivelato tutt’altro

Florida, svelato il mistero della 27enne violentata e strangolata: il killer è il portiere del condominio

Doveva garantire la sicurezza all’interno di un complesso residenziale di Uptown Place (Orlando), in Florida, invece si è trasformato in un assassino. Lui è Stephen Michael Duxbury, 33 anni, la guardia di sicurezza che vigilava da 5 mesi nella palazzina in un cui viveva Sasha Samsudean, la ragazza di 27 anni che è stata trovata morta stesa sul suo letto lo scorso 17 ottobre. E il suo assassino era proprio l’insospettabile guardia, un ragazzo dal viso pulito e senza precedenti con la giustizia, di cui ci si poteva apparentemente fidare, colui che aveva accompagnato Sasha fino al suo appartamento perchè troppo ubriaca per poterci arrivare da sola. Da quanto riportato, infatti, la giovane sarebbe stata vista per l’ultima volta in evidente stato di ubriachezza e proprio insieme a Duxbury. Ma il 33enne, interrogato più volte dalla polizia, avrebbe riferito di averla solamente aiutata a cercare le chiavi e di non essere mai entrato in casa sua. La sua versione però non ha nessuna rilevanza. La polizia avrebbe infatti rilevato nell’appartamento di Sasha alcune impronte digitali in bagno e orme sul pavimento che coincidevano, senza alcun dubbio, con un paio di scarpe di Duxbury. Gli inquirenti hanno quindi ricostruito l’accaduto: Duxbury, probabilmente con la scusa di aiutare Sasha a mettersi a letto dopo una lunga serata di divertimento con gli amici, sarebbe entrato in casa della ragazza e approfittando del suo stato di ubriachezza l’avrebbe violentata e poi strangolata. Erano le due di notte del 17 ottobre quando la 27enne ha tirato il suo ultimo respiro. Il giorno dopo è stata ritrovata sul suo letto, avvolta in un piumino e con la camicetta strappata.

Florida, svelato il mistero della 27enne violentata e strangolata: il killer è il portiere del condominio

A dare l’allarme alcuni amici della giovane, che non riuscendo da ore a contattarla hanno chiamato il 112. Immediato l’intervento delle forze dell’ordine, che una volta giunte davanti all’appartamento hanno forzato la porta trovando Sasha priva di vita, con i segni dello strangolamento sul collo. Sul pavimento l’involucro di un preservativo. Dopo aver rilevato le impronte di Stephen Michael Duxbury nel bagno e sul pavimento di casa della povera vittima la polizia lo ha arrestato con l’accusa di omicidio, stupro e furto con scasso.



Leggi anche: