Scroll to Top

Francia: deraglia Tgv a Strasburgo, 10 morti e 37 feriti

Dopo la strage nel centro parigino, la Francia conta i morti anche vicino Eckwersheim, sulla tratta ferroviaria Parigi-Strasburgo. Bilancio tragico con la 10 vittime e 37 persone rimaste ferite

Francia: deraglia Tgv a Strasburgo, 10 morti e 37 feriti

Doveva essere solo un test, invece s’è rivelato essere l’ennesimo lutto francese di uno Stato già provato. E’ successo sabato mattina poco prima di mezzogiorno. Le ferrovie di stato francesi, la SNCF, sta collaudando una nuova linea ferroviaria in Alsazia, sulla tratta “Parigi-Strasburgo” che avrebbe dovuto aprire a Luglio 2016. Il treno messo in prova sul binario è un Tgv d’ultima generazione, usato come prototipo (anche questo) per verificarne la versabilità e la velocità d’arrivo e per essere poi messa in funzione il prossimo Aprile. A far da pubblico sul treno, in modo da verificarne anche la comodità di viaggio, ci sono circa cinquanta tecnici e ferrovieri, che hanno deciso di essere accompagnati da figli, amici e parenti.

L’incidente
Per i primi 20 minuti di viaggio non accade nulla, il treno viaggia normalmente nonostante l’elevata velocità, ma visto che sul treno ci sono anche bambini non è il caso d’allarmarsi. Tuttavia, all’altezza di Eckwersheim, comune francese nel dipartimento del Basso Reno, ad una decina di chilometri a nord del capoluogo alsaziano, il treno aumenta ancora di velocità sui nuovi binari e sfugge ai comandi del macchinista. Non serve a niente cercare di frenarlo, oramai il primo vagone ha deragliato, portandosi dietro tutti gli altri per almeno 10 chilometri. Alcuni vagoni finiscono in un canale sotto i binari ed è lì che molta gente muore sul colpo. I primi soccorsi arrivano solo mezz’ora dopo l’incidente, secondo quanto riportato dal sito Dernières Nouvelles d’Alsace. I morti accertati fino ad oggi sono saliti a 10, mentre si contano 37 feriti, tra cui 12 in gravissime condizioni e ancora non si riescono a trovare 5 dispersi tra cui 2 bambini.

2015-11-14-Francia deraglia Tgv-ln1001

Guillaume Pepy apre un’inchiesta
Dopo l’incidente ora si cercano colpevoli, e l’amministratore delegato delle ferrovie dello stato francesi, Guillaume Pepy, ha annunciato l’apertura di un’inchiesta per capire chi ha acconsentito a far salire a bordo persone non autorizzate. «Per salire a bordo di un treno in test, serve un’autorizzazione. Bisogna capire perché gli accompagnatori erano a bordo. Non è una pratica che la Sncf riconosce. Un test è un test, non è una gita turistica o commerciale» ha aggiunto Pepy. Anche la prefettura ha voluto precisare che il treno deragliato, è un convoglio non commerciale, dunque non è utilizzato per nessun tipo mercato. Il ministro per l’Ambiente, Segolene Royal, ha affermato che il ritrovamento dei corpi dei dispersi non ha tregua e anche la polizia ambientale si sta mobilitando per aiutare nelle ricerche.

Si tratta del primo (e si spera anche unico) deragliamento mortale nella storia del Tgv francese dall’inizio della sua attività nel 1981. E mentre diverse foto dell’incidente stanno già circolando sui social network, la Francia dovrà fare i conti con un altro incidente che ha coinvolto altri innocenti.



Leggi anche: