Scroll to Top

Fumo, nuove regole in vigore dal 2 febbraio 2016: tutti i divieti e cambiamenti

Nuovi cambiamenti e divieti per i fumatori. Dal 2 febbraio 2016, nuove regole in vigore con il decreto antifumo: via i pacchi di sigarette da 10 e aromatizzati, molti i divieti per tutelare i minori e il fumatore passivo

Fumo, nuove regole in vigore dal 2 febbraio 2016: tutti i divieti e cambiamenti

È stato pubblicato lo scorso 18 gennaio, il nuovo decreto attestante i cambiamenti e le regole per i fumatori. Saranno ritirati dal commercio i pacchi di sigarette da 10, il tabacco fornito sarà in confezioni non meno di 30 grammi, gli appassionati di tabacco aromatizzato, vaniglia, cioccolato, caffè e menta, non vedranno più soddisfatte la loro richiesta, anche quelle non saranno più presenti sul mercato. Le sigarette elettroniche saranno dotate di un sistema di protezione bambino, un blocco per lo spargimento di liquido di nicotina, un’etichetta dettagliata sulle sostanze nocive presenti e relative controindicazioni. Proibita la pubblicità di quest’ultima e delle relative ricariche, nella fascia oraria dalle 16 alle 19, fascia in cui, il pubblico ascoltatore è prettamente minorile. Divieto di pubblicità nelle riviste dedicate ai bambini e ragazzi con età inferiore ai 18 anni. Multe salate, dai 500 ai 3000 euro, o addirittura alla sospensione o cessazione dell’attività, per chi vende ai minori, prodotti contenenti nicotina. Presente la relativa notifica da parte del Ministero della Salute per i prodotti da immettere sul mercato. Vietata la vendita online transfrontaliera. Nuova grafica per i pacchetti. Il 65% dello spazio sarà occupato da fotografie, testi e immagini forti per dissuadere i fumatori.

Sui pacchetti anche il numero verde
Sui pacchetti sarà presente anche un numero verde, utile per chi volesse smettere di fumare. «Il fumo la più grande minaccia per la salute nella regione europea», così afferma l’Organizzazione mondiale della sanità. Dal 2003, in conseguenza alla legge Sirchia, riguardante il divieto del fumo in luoghi chiusi, sono stati fatti, in avanti, passi da gigante, ma sono ancora tanti gli obiettivi da raggiungere. Dal due febbraio, è vietato fumare in auto, in presenza di bambini, di donne incinte, fuori dai presidi ospedalieri, neonatologia, ginecologia e IRCCS pediatrici. Sanzioni previste anche per chi getta i mozziconi in strada. Insomma per i fumatori diversi i cambiamenti a cui far fronte.



Leggi anche: