Scroll to Top

Gli insulti del giudice antimafia ai figli di Borsellino: «Lui squilibrato, lei cretina»

Scioccanti le parole del giudice antimafia Silvana Saguto in riferimento all’abbraccio di Manfredi e Sergio Mattarella: «Ma perché m… ti commuovi a 43 anni per un padre che ti è morto 23 anni fa? E’ uno squilibrato». No comment dei figli di Paolo Borsellino

Gli insulti del giudice antimafia ai figli di Borsellino: «Lui squilibrato, lei cretina»

Parole terribili quelle pronunciate dal giudice antimafia Silvana Saguto nei confronti dei figli di Paolo Borsellino. E le pronuncia proprio dopo aver presenziato da madrina alla manifestazione “Le vele della legalità”, a Ficarazzi, lo scorso 19 luglio, quando aveva ricordato il sacrificio del giudice ucciso dalla mafia con frasi decisamente amareggiate e toccanti. Ma appena ritornata nella sua auto blindata l’ex presidente della sezione Misure di prevenzione del Tribunale, che fino a pochi minuti prima non aveva smesso di recitare la parte di paladina della legalità, ha telefonato ad una sua amica lasciandosi scappare frasi sconcertanti sui figli di Borsellino, intercettate dai finanzieri del nucleo di polizia tributaria di Palermo. In particolare facendo riferimento all’abbraccio tra Manfredi Borsellino e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al palazzo di giustizia a Palermo, le dice: «Poi Manfredi che si commuove, ma perché m… ti commuovi a 43 anni per un padre che ti è morto 23 anni fa? Che figura fai». E ancora: «Ma che… le palle ci vogliono. Parlava di sua sorella e si commuoveva, ma vaff…». E sempre di Manfredi diceva: «E’ uno squilibrato, lo è sempre stato, lo era pure quando era bambino».

Insulti anche alla figlia di Borsellino
La Saguto, uno dei giudici simbolo di Palermo, che ha sequestrato beni per milioni di euro e che oggi è indagata dalla procura di Caltanissetta per aver messo in piedi un sistema di raccomandazioni e favori, costruiti attorno alla gestione dei patrimoni sottratti ai boss, ha insultato anche la sorella dell’ispettore di polizia, ovvero Lucia Borsellino, ex assessore regionale alla Sanità: «E’ cretina precisa», diceva alla sua amica nella telefonata intercettata. Frasi scioccanti le sue, che i due fratelli non vogliono commentare. «Siamo senza parole. Non vogliamo commentare espressioni che andrebbero catalogate alla voce cattiveria. Solo parlandone rischiamo di attribuire importanza a chi ha proferito quelle parole», ha detto Manfredi Borsellino.



Leggi anche: