Scroll to Top

Grillo immagina l’Italia 5 stelle nel 2042: “Da 25 anni facciamo cose meravigliose”

Sul suo blog Grillo immagina di essere nel 2042 e racconta una serie di conquiste di 25 anni di governo del M5S:«Siamo usciti dall’euro e dalla Nato, abbiamo abolito la massoneria e le centrali a carbone. Siamo una nazione autosufficiente, abbiamo vinto nel turismo e nella cultura. Abbiamo fatto cose meravigliose!»

Grillo immagina l’Italia 5 stelle nel 2042: “Da 25 anni facciamo cose meravigliose”

“Passaparola dal futuro: #l’Italia5Stelle del 2042, di Beppe Grillo”. E’ così che Grillo ha voluto intitolare il videomessaggio in cui immagina di essere nel 2042, quando il Movimento 5 stelle è al governo già da 25 anni. Nel video, pubblicato sul suo blog, interpreta se stesso invecchiato e racconta la lunga serie di conquiste del M5S durante tutti questi anni. Una trovata goliardica studiata per lanciare l’appello alla partecipazione per la manifestazione “Italia 5 stelle”, prevista a Imola il 17 e 18 ottobre. «Non ve l’aspettavate, non ve l’aspettavate che ci ritroviamo qua e mi ritrovate qua, siamo nel 2042, siamo dal 2017 al governo e sono passati 25 anni, l’ho goduta poco perché sono uscito di galera una settimana fa, ma abbiamo fatto una cosa meravigliosa! Di tutto!». Esordisce così Grillo pronto a impressionare i possibili votanti con un lungo elenco delle cose fatte dai pentastellati, dal reddito di cittadinanza all’abolizione della massoneria: «Democrazia dal basso e non ci credeva nessuno, abbiamo fatto i referendum senza quorum inseriti nella Costituzione, leggi popolari. Siamo diventati una nazione autosufficiente, non ci credeva nessuno!». E ancora: «Nessuno credeva che potevamo andare con energie alternative naturali e perfette, ora ci siamo! Abbiamo una scuola pubblica meravigliosa a livello europeo, abbiamo un’informazione libera con editori che sono solo editori. Abbiamo abolito l’ordine dei giornalisti e i finanziamenti agli editori! Una cosa meravigliosa!». A vincere nel Paese con il Movimento 5 stelle al governo anche la bellezza, il turismo, e la cultura. «Il reddito di cittadinanza, non ci credeva nessuno nelle coperture – dice Grillo – ma l’abbiamo fatto, non c’è più nessuno che rimane indietro, i poveri non si sa chi sono». E ancora racconta di aver abolito le centrali a carbone, la massoneria e di aver mantenuto la legge che prevedeva l’impossibilità di candidarsi a chi era condannato in primo grado. Tra i risultati da lui immaginati anche l’uscita dall’euro e dalla Nato, l’abolizione della prescrizione e i piani per mettere in sicurezza il territorio. «Non vedi più un filo d’acqua, una casa che cade, non c’è più… abbiamo fatto dei contenimenti frane meravigliosi! Il cibo è una sicurezza nazionale», dice l’ex comico.

E infine, tolti i panni da vecchietto per passare dal 2042 al presente, si concentra sui temi più concreti: «Ora torniamo al presente, siamo nel 2015. L’abbiamo visto un futuro possibile, adesso apriamo gli occhi perché siamo tornati al presente, questo buco nero del presente con ancora questi fantasmi che si aggirano, questi Renzi, questi Berlusconi ci sono ancora, l’Italia va cambiata». «Voi siete il Movimento 5 stelle! Non ha leader il movimento 5 stelle, il Movimento 5 stelle è leader di sé stesso!», ribadisce invitando poi tutti alla grande manifestazione ad Imola per far sì che tutte le cose da lui raccontate non siano solo un’utopia. Perché «l’Italia va cambiata e l’unico movimento che può cambiarla è il Movimento 5 Stelle». L’invito a Imola il 17 e 18 ottobre è rivolto a tutti, e a tutti Grillo fa una richiesta: «Dovete essere presenti e dovete dare qualcosa perché noi non viviamo di contributi pubblici: abbiamo rifiutato 42 milioni di euro. Viviamo di donazioni, piccole donazioni, quello che potete, per almeno rifare le spese: sostieni Italia 5 stelle con una donazione».



Leggi anche: