Scroll to Top

“I Medici”, la nuova serie tv Rai di successo divisa da pareri discordanti

Protagonista della serie è Cosimo dei Medici, interpretato da Richard Madden, già noto essere Rob Stark nella serie televisiva ‘Il trono di spade’, Dustin Hoffman, nel ruolo di Giovanni dei Medici, patriarca della famiglia. Protagonista della serie è Cosimo dei Medici, interpretato da Richard Madden

I Medici, la nuova serie tv Rai di successo divisa da pareri discordanti

Si è conclusa martedì scorso con ben 7,5 milioni di spettatori e il 29,95% di share, la prima puntata della mini serie “I Medici-Masters of Florence” in onda su Rai 1 tutti i martedì alle 21.15. La serie anglo-italiana racconta le vicende della famiglia Medici, che durante il periodo del Rinascimento dominavano Firenze. Protagonista della serie è Cosimo dei Medici, interpretato da Richard Madden, già noto essere Rob Stark nella serie televisiva Il trono di spade, Dustin Hoffman, nel ruolo di Giovanni dei Medici, patriarca della famiglia. Tra gli attori italiani spiccano la giovane ex Miss Italia Miriam Leone, il talentuoso Alessandro Preziosi, Valentina Cervi e tanti altri. Lo scenario è quello della Firenze del XV secolo, nell’anno 1434 il giovane Cosimo viene eletto gonfaloniere della città di Firenze, pronto così a costituire una signoria. In quel momento Cosimo torna indietro con la memoria e ricorda la sua infanzia vissuta sotto la guida del padre Giovanni, che lo conduceva con sé tra Roma e Firenze infondendogli preziosi insegnamenti. Durante la prima puntata Giovanni muore misteriosamente e da quel momento in poi saranno affidate a Cosimo le sorti della sua casata e che dovrà fronteggiare gli avversari come Rinaldo degli Albizzi.

Liberamente tratta da eventi storici, la trama aggiunge fatti e romanza alcune situazioni, ma nonostante questa premessa e il successo clamoroso di pubblico, gli storici, nonché i discendenti della casa de’ Medici, hanno storto il naso. Ottaviano de’ Medici, l’ultimo discendente della famiglia ha definito la serie come violenta, che descrive i Medici come usurai e assassini e per questo è pronto a denunciare produttori e sceneggiatori della serie. Le novità introdotte dagli ideatori della serie non sono piaciute neanche allo storico d’arte Philippe Daverio, il quale vede nella licenza storica dello sceneggiatore una vera e propria alterazione e falsificazione della storia. Daverio altresì aggiunge alle critiche sulla trama anche quelle sulla scenografia definita cupa e oscura completamente in antitesi con lo splendore della Firenze di quell’epoca.

Nonostante le evidente e sentite critiche, gli appassionati di fiction storica sono stati quasi otto milioni e così Martedì 25 ottobre 2016, andrà in onda su Rai 1 la seconda puntata della serie: il primo episodio si intitola “La peste”: per sfuggire all’epidemia di peste che sta imperversando su Firenze, la famiglia de ‘Medici trova rifugio in campagna. Marco decide invece di restare in città, deciso a scoprire se la famiglia Corona è coinvolta nella morte di Giovanni. Intanto Albizzi riesce a mettere in cattiva luce Cosimo accusandolo di usura e così facendo Cosimo è costretto a tornare a Firenze ma Albizzi riesce con un inganno a far arrestare Cosimo.

Il secondo episodio si intitola “Il giudizio”: durante il processo contro Cosimo, Albizzi lo accusa di voler diventare tiranno della città. Dalla prigione Cosimo chiede disperatamente aiuto a Contessina, chiedendogli di corrompere un membro della Signoria per avere dei voti a suo favore. Infine Lorenzo, per salvare Cosimo, arriva col suo esercito pronto a far di tutto per salvare il fratello. Questi e altri colpi di scena sono attesi a “I Medici-Masters of Florence”.

La fiction andrà in onda ogni martedì alle 21.15, ma per eventuali modifiche alla programmazione tv vi rimandiamo al sito questaseratv.it per avere sotto mano il palinsesto tv della sera aggiornato in tempo reale. Risulta molto utile specie quando avvengono fatti di cronaca molto importanti che comportano la posticipazione di determinati programmi tv stabiliti per la serata.



Leggi anche: