Scroll to Top
di Tiziana Chiofalo - 9 febbraio 2016

India shock: “Non voglio sposarmi, voglio studiare!”, e il padre la brucia viva

La 16enne indiana è stata bruciata viva dal padre e dalla matrigna per essersi rifiutata di sposare un uomo più grande di lei, decidendo invece di continuare a studiare. La denuncia è arrivata dal fratello maggiore, ancora latitanti i parenti

India shock: "Non voglio sposarmi, voglio studiare!", e il padre la brucia viva

Ci sono Paesi in cui purtroppo ancora oggi una donna non può decidere del proprio futuro, o peggio ancora, non sottomettersi al volere dei genitori potrebbe segnare il suo destino. È quanto successo a Khushboo Kumari, una giovane indiana di 16 anni che è stata bruciata viva dal padre e dalla matrigna per essersi rifiutata di sposare un uomo molto più grande di lei, e aver deciso di continuare invece a studiare. La tragica storia, riportata dal Mail Today, arriva dallo Stato nord-orientale indiano di Bihar, uno dei più arretrati dell’India. Secondo quanto riportato la giovane sarebbe morta venerdì scorso nell’ospedale di Patna per le gravissime ustioni riportate sul 90% del suo corpo. Il padre, con l’appoggio e l’aiuto della moglie e di altri parenti, non vedendosi obbedire dalla figlia, e anzi, disonorato dalla 16enne per aver declinato l’offerta di matrimonio di un uomo benestante e molto più grande di età, dichiarando di voler invece continuare a studiare, ha deciso di punirla irrimediabilmente. La ragazza, che frequentava la scuola superiore con ottimi risultati, dopo aver respinto categoricamente la proposta, è stata bruciata viva: il padre ha versato sul suo corpo una grande quantità di cherosene, poi senza un attimo di ripensamento o titubanza, vi ha appiccato il fuoco, dandosi alla fuga.

La denuncia del fratello
A denunciare quanto accaduto è stato il fratello maggiore della giovane vittima, Amrit Raj, che ha riferito alla polizia i particolari della vicenda, accusando di omicidio il padre, Takhur, la matrigna, Poonam Devi e altri parenti, che per il momento non sono stati ancora catturati e arrestati. Fu la matrigna che due mesi fa aveva accettato per la ragazza la richiesta di matrimonio con un uomo più grande, ma Khushboo non ne voleva sapere di sposarsi, e aveva declinato la proposta: «Non voglio sposarmi, voglio studiare!», continuava a dire al padre. Quest’ultimo furioso per questo suo atteggiamento ha infine deciso di condannarla a morte, dandole fuoco. L’episodio, verificatosi il 3 febbraio scorso, dimostra quanto ancora sia difficile ottenere dei risultati dalla campagna “Beti Bachao, Beti Padhao” (Salva la bambina, educa la bambina), lanciata lo scorso anno dal premier Narendra Modi.

L'Italianews è un notiziario telematico indipendente (e totalmente gratuito) in cui vengono trattati i fatti più importanti del giorno che accadono in Italia e nel Mondo. Crediamo che la libera informazione sia il miglior modo per scuotere le coscienze, e noi siamo liberi...



Leggi anche: