Scroll to Top

India, stupra 13enne: lei si vendica decapitandogli il figlio di 5 anni

Era stata stuprata qualche giorno prima e ha deciso di vendicarsi uccidendo il figlio del suo aggressore. La ragazzina è stata accusata di omicidio e contemporaneamente la polizia ha condannato l’uomo per aver approfittato di lei

India, stupra 13enne: lei si vendica decapitandogli il figlio di 5 anni

È un omicidio davvero raccapricciante quello compiuto in India da una ragazzina di soli 13 anni. E’ successo all’inizio della settimana, quando la giovane omicida ha deciso di vendicarsi dell’uomo che l’aveva stuprata qualche giorno prima decapitando il suo figlioletto di 5 anni. Il corpicino del bimbo è stato scoperto da alcuni cani. Era mezzo bruciacchiato e nascosto in un sacchetto sotto alcuni mattoni. La 13enne è stata arrestata dalla Polizia con l’accusa di omicidio, ma contemporaneamente è stata aperta un’altra indagine che condanna l’uomo per aver violentato la ragazzina. Secondo quanto testimoniato dalla giovanissima imputata pare che l’uomo alcuni giorni fa l’abbia attirata nel luogo in cui è avvenuto lo stupro dopo averle offerto un decolorante, sostanza chimica usata molto spesso come stupefacente e da cui la 13enne era dipendente. Dopo l’avrebbe violentata più volte. Qualche giorno dopo l’aggressione è maturato in lei un forte senso di vendetta nei confronti del suo stupratore, che l’ha portata a pianificare e compiere il folle gesto. Ha ucciso il suo figlioletto di 5 anni: lo ha decapitato e bruciato, dopo ha nascosto il corpicino in un sacchetto e lo ha seppellito sotto a dei mattoni.

Il caso verrà esaminato
La ragazza è stata accompagnata nel carcere minorile di Ghaziabad, ma la sua famiglia ha chiesto di ritirare l’accusa perché falsa. Un ufficiale della polizia ha però confermato che il caso verrà ugualmente esaminato. «La madre della giovane non sta bene e il padre è operaio. La ragazza viene da una famiglia molto povera e non ha ricevuto nessuna educazione. Per altro è tossicodipendente», ha aggiunto.



Leggi anche: