Scroll to Top

Juventus, Buffon: “Facciamo fuori la Roma e poi pensiamo all’Inter”

Il portiere della Juventus Gigi Buffon ha rilasciato un’intervista alla “Gazzetta dello sport” dove ha dichiarato: «Noi abbiamo ancora fame di vittorie, adesso battiamo la Roma e poi concentriamoci sull’Inter»

Juventus, Buffon: "Facciamo fuori la Roma e poi pensiamo all'Inter"

Fra pochi giorni, Gianluigi Buffon compirà 38 anni e 20 di questi li ha passati nel calcio che conta; che dire, una carriera sempre vissuta al top. Durante l’intervista rilasciata alla “Gazzetta dello Sport”, gli è stato chiesto quali fossero stati i migliori momenti della sua carriera: «L’esordio in Serie A; il coronamento di un sogno, poi la vittoria al Mondiale del 2006. Infine la perseveranza, l’ostinazione e la determinazione che ancora oggi mi permettono di resistere ad alti livelli». Sembra che per il portiere della Nazionale gli anni non passino mai: mantiene lo stesso fisico e gli stessi riflessi degli esordi nella massima serie, il segreto sta forse nell’alimentazione: «Diciamo che, rispetto al passato, adesso sto più attento al’alimentazione senza particolari sacrifici, faccio solo attenzione». Poi gli viene chiesto quando appenderà i guanti al chiodo: «Vorrei lasciare il mondo del calcio a testa alta, è l’impegno di una vita. Vorrei uscire di scena facendo il giusto rumore senza esagerare con le celebrazioni. Giocherò fino ai 40 anni». Alla domanda su quale sia la Nazionale più forte, ha risposto: «L’Italia del 2002 era eccezionale dal punto di vista tecnico. Nel 2006 vincemmo per il gruppo che avevamo creato». La Juventus più forte invece?: «Credo quella di Lippi del 2002, con la finale di Champions persa ai rigori. Poi la Juve di Conte, ma anche Allegri sta ottenendo ottimi risultati». Poi ha detto la sua sul talento del portiere milanista Donnarumma: «Sta facendo cose grandiose, già il fatto di essere il portiere del Milan non è facile per un ragazzo giovane».

La rimonta bianconera
Cosa è cambiato dopo la partita di Sassuolo? Lo stesso Buffon ha fatto capire ai più giovani cosa significa indossare la maglia della Juventus. Il campione del mondo 2006 quella sera fu uno dei senatori della vecchia Signora che scosse l’ambiente, mettendolo nella giusta direzione. Poi Buffon conclude l’intervista parlando del prossimo impegno con la Roma: «Se vinciamo li mandiamo a meno dieci, sarebbe fondamentale, la Roma è una squadra pericolosa, temibile, e va tenuta lontana».



Leggi anche: