Scroll to Top

L’appello di Papa Francesco: “L’Europa accolga i migranti. Lo chiede anche la Bibbia”

Il Santo Padre chiede ad ogni parrocchia e convento di accogliere due famiglie di migranti. E lo fa ricordando le parole di Mosè al suo popolo: «Ricevi il forestiero perché anche voi foste forestieri in Egitto»

L’appello di Papa Francesco: “L’Europa accolga i migranti. Lo chiede anche la Bibbia”

«Ogni parrocchia e convento accolga due famiglie di migranti». È l’appello ribadito più volte da Papa Francesco, tornato a parlare dell’emergenza immigrazione alla radio cattolica portoghese Renascenca. «Viene un rifugiato con le misure di sicurezza di ogni tipo e bisogna riceverlo perché è un comandamento della Bibbia», ha precisato il Pontefice. Del resto anche Mosé disse al suo popolo «ricevi il forestiero perché anche voi foste forestieri in Egitto». «Quando chiedo ad una parrocchia di accogliere una famiglia non dico che devono vivere nella canonica, nella casa parrocchiale, ma che tutta la comunità parrocchiale veda se c’è un luogo, un luogo del collegio – prosegue – o, nel peggiore dei casi, che venga accolta in un appartamento modesto per questa famiglia, perciò che abbiano un tetto, che siano accolti e che li si integri nella comunità parrocchiale». Parlando dell’Unione Europea, il Santo Padre ricorda che «la grande sfida per l’Europa è tornare ad essere la madre Europa». Basta dunque allo status di ‘nonna Europa’, quello a cui ci siamo abituati a causa della crisi demografica. «Giustamente quando c’è uno spazio vuoto, la gente cerca di riempirlo: se un paese non ha figli, i migranti vengono ad occuparne il posto», dice Francesco. Si teme dunque per il futuro dell’Europa per il bassissimo livello delle nascite, soprattutto in Italia, Portogallo e Spagna. «Penso che sia quasi allo 0%”, osserva Papa Bergoglio spiegando come, invece, “se ci sono bambini non ci sono spazi vuoti”. La principale causa della cadute delle nascita? Per il Pontefice è senza dubbio la cultura del benessere: «L’ho sentito anche nella mia famiglia, dai miei cugini italiani, anni fa. Si preferisce non avere figli per poter viaggiare in vacanza o comprare una villa. O questo o quello».

«Il fenomeno migratorio è la punta di un iceberg in un mondo dove il 17% della popolazione mondiale ha l’80% della ricchezza. Vediamo questi rifugiati, questa povera gente in fuga dalla guerra, in fuga dalla fame. E sotto sotto la causa è un sistema socio-economico cattivo, ingiusto. Il centro deve essere sempre la persona. Ma non è così: lo vediamo nel sistema economico dominante al centro del quale vi è il dio del denaro, l’idolo della moda», conclude Papa Francesco. Bisogna dunque capire le cause e agire di conseguenza: «Dove la causa è la fame, investire e creare fonti di lavoro; dove la causa è la guerra, cercare e lavorare per la pace».



Leggi anche: