Scroll to Top

Lisa Torrisi, intervista: “Carla Caiazzo mi ha dato la forza di proseguire anche nel sociale”

Intervista esclusiva a Lisa Torrisi: «Il sociale in fondo fa e dovrebbe far parte di noi sempre più. Io ho deciso in questa mia grossa trasformazione di dare rilevanza anche alla donna Lisa Torrisi e ciò che dentro di sé c’è»

Lisa Torrisi, intervista: "Carla Caiazzo mi ha dato la forza di proseguire anche nel sociale"

L’occasione è stata il Red Carpet organizzato da Ugo Autuori, press agent e ombra dell’ormai attrice italiana Lisa Torrisi. In quella occasione si è riscontrato ciò che da tempo trapelava sulla ciociara più famosa d’Italia e all’estero: abbandono dei set a luci rosse e un impegno sempre più costante anche nel sociale. A parte la serata appena svoltasi al Black e White di Pozzuoli con una folta rappresentanza di artisti e stampa e nella quale la stessa Lisa Torrisi riceve il premio “eccellenza del cuore”, abbiamo voluto sentirla per porle alcune domande. Lisa è ormai una notizia sulla bocca di tutti del tuo abbandono all’hard, puoi darci notizia di come i tuoi fans hanno reagito? «Sono felice di questa domanda in quanto, sono stata sempre vista dai miei fans come una icona sexy e una performer di rilievo, ma in me comunque gli stessi hanno sempre apprezzato il mio essere un’artista prima di tutto».

Bene, perché ora tanto sociale?
«Il sociale in fondo fa e dovrebbe far parte di noi sempre più. Io ho deciso in questa mia grossa trasformazione di dare rilevanza anche alla donna Lisa Torrisi e ciò che dentro di sé c’è».

Pertanto ci sarà molto altro ancora?
«Si credo proprio di si, abbiamo iniziato con il progetto ‘Mana la forza di reagire’ e dedicato soprattutto a Carla Caiazzo, ma il mio impegno a breve sarà anche su altri temi di violenza e degrado sociale».

Appari oggi una donna molto determinata, è frutto del percorso?
«No in relazione a ciò ti dico che lo sono sempre stata, certo ora esce fuori forse molto di più».

Pensi ancora in qualche progetto americano?
«Sono lì quello che in fondo sono in Italia. Un’attrice che vaglia proposte e ruoli».

Il progetto di questa estate in America e poi subito l’ingresso nel cinema italiano è stato determinante per la tua scelta?
«No, diciamo che io e da un po’ che vedevo in me la voglia di dimostrare altro alla grande platea che mi seguiva. Oggi sono veramente felice di essere ciò che sono e credo solo di poter migliorare e di poter regalare lo stesso forti emozioni».

La tua prossima vita artistica ti spaventa?
«Assolutamente no, perché dovrebbe. Sono una che non dovrebbe dirlo, ma ha una capacità di capire molto ciò che le succede intorno e devo amplificare ora che le cose e i feedback positivi sono tanti».

Carla Caiazzo, di lei cosa ci puoi dire?
«Ho avuto modo l’altra sera di dedicare a lei la prima copia del mio calendario e di sentirla al telefono. Un’emozione molto forte e soprattutto un po’ di forza me l’ha data proprio lei è nelle sue parole a proseguire anche nel sociale».



Leggi anche: