Scroll to Top

Lista unica Lega-Forza Italia? Salvini: “E’ possibile, con Silvio si può ragionare”

Il leader del Carroccio si dice pronto a incontrare Silvio Berlusconi per discutere sugli accordi della possibile unione. Ma il tema centrare dovrà essere il fisco altrimenti non se ne fa niente: «No allo stato di polizia fiscale, e abolire il tetto di spesa in contanti a 999 euro e l’obbligo del Bancomat. Se su questo siamo d’accordo tutto è possibile»

Lista unica Lega-Forza Italia? Salvini: "E’ possibile, con Silvio si può ragionare"

Non si sa ancora quando, ma è certo che Matteo Salvini e Silvio Berlusconi si incontreranno per discutere di una possibile collaborazione. Lo ha detto il leader della Lega intervistato dal Corriere della Sera: «L’incontro non è ancora in agenda, ma lo faremo. Ci siamo già cercati, ma le circostanze non ci hanno fatto ancora incontrare». «La mia sensazione è che con Silvio Berlusconi si ragioni senza problemi. Poi, però, nel suo partito ci sono un po’ di vecchie cariatidi attaccate alla poltrona che si agitano e fanno l’occhiolino a Renzi. Ma il popolo di centrodestra oggi ha bisogno di idee chiare e messaggi precisi. Penso che Berlusconi lo sappia», ha aggiunto Salvini. Dunque la possibilità di una lista unica Lega-Forza Italia si fa sempre più forte, ma il leader del Carroccio pretende che il tema centrale del possibile accordo sia il fisco. «No allo stato di polizia fiscale, e sì all’abolizione del tetto alla spesa in contanti a 999 euro, l’obbligo del Bancomat. Se siamo d’accordo su queste battaglie, ripeto, tutto è possibile», ha aggiunto deciso Salvini.

Manifestazione contro Renzi
Parlando poi della manifestazione organizzata dalla Lega per il prossimo 8 novembre, Salvini è convinto che «sarà una delle più grandi manifestazioni del centrodestra». «Non ci saranno bandiere di partito, non sarà un blocco del Paese stile sciopero della Cgil. Sarà una manifestazione contro Renzi e per il Made in Italy. Ne parlerò anche con Berlusconi», ha precisato. E non poteva mancare la frecciatina ai prefetti, a cui ha già chiesto di tenersi pronti per sedare i problemi di ordine pubblico durante la manifestazione: «Si distolgano un minuto dal trovare posto in hotel agli immigrati e facciano sì che le persone per bene possano riunirsi».



Leggi anche: