Scroll to Top

Lui è tornato! Il film su Hitler ai giorni nostri, grande successo in Germania

C’è una pellicola che sta riscontrando un enorme successo in Germania, ma anche tanto scalpore. Si tratta del film “Lui è tornato”, girato in candid camera, che mostra un Hitler redivivo camminare per le strade di una Germania completamente diversa da quella che governò fino al 1945

Lui è tornato! Il film su Hitler ai giorni nostri, grande successo in Germania

Questo weekend, chiaramente, sarà dominato dai film horror o di paura dato che ci sarà la festa di Halloween, soprattutto in America, ma in Germania se ne stanno curando poco concentrando invece tutta l’attenzione su un piccolo film che desta anche un certo scalpore. E d’altronde non potrebbe essere altrimenti, visto che riguarda colui che è considerato il lato oscuro dell’anima tedesca: Adolf Hitler. Sta riscontrando un enorme successo in terra teutonica il film “Er ist wieder da – Lui è tornato”, diretto da David Wnendt, che nel solo primo weekend di programmazione ha portato al cinema oltre 300.000 spettatori. La pellicola racconta del ritorno di Hitler in Germania, completamente diversa da quella che aveva lasciato nel 1945; per vedere la reazione di come sarebbe accolto oggi se davvero tornasse, il regista ha scelto la tecnica della candid camera e di usare uno stile che ricorda le incoscienti acrobazie degli stunt americani di “Jackass”. Adolf Hitler torna in vita, non si sa nè come nè perchè, nella zona est di Berlino, a Marzhan, senza sapere neppure come è iniziato questo suo viaggio nel tempo; all’inizio viene riconosciuto solo da un reporter di una trasmissione tv, che lo filma pensando che sia una perfetta imitazione dell’originale e lo pubblica online raccogliendo migliaia di visualizzazioni su Youtube.

Lui è tornato! Il film su Hitler ai giorni nostri, grande successo in Germania
Lui è tornato, scatto di una scena del film

Wnendt: «La mia generazione rischia di dimenticare il passato e di non analizzare obiettivamente il presente» – Intervistato dalla “Repubblica”, il regista Wnendt ha così raccontato la sua personale visione della Germania odierna: «Potenzialmente, un terzo dei tedeschi voterebbe adesso un partito di destra in Germania, se solo ce ne fosse uno credibile. Per fortuna, l’Ndp, il partito nazionalista, non lo è, ma bisogna fare attenzione alla nuova formazione Alternative fur Deutschland. Composta solo da professori universitari, nel suo antieuropeismo contiene molti messaggi pregni di intolleranza e razzismo. Purtroppo, la mia generazione rischia di dimenticare il passato, siamo bombardati ogni giorno di messaggi e nozioni che non permettono un’analisi critica del presente».



Leggi anche: