Scroll to Top

Luigi Di Maio (M5S) a OpenSpace, ecco le risposte alle domande del web

Tutte le risposte alle domande fatte al vicepresidente della Camera, dagli utenti del sito Openspace.it, durante la prima puntata della nuova trasmissione condotta dalla Iena Nadia Toffa, OpenSpace

Luigi Di Maio (M5S) a OpenSpace, ecco le risposte alle domande del web

Luigi Di Maio, deputato del Movimento 5 Stelle, e vicepresidente della Camera dei Deputati, è stato il primo ospite della nuova trasmissione di Italia 1, OpenSpace, condotta dall’inviata de ‘Le Iene’, Nadia Toffa. Il pentastellato ha risposto alle domande proposte dagli utenti sul sito del programma. Prima di inizia a leggere le domande proposte è stato incalzato dalla presentatrice sulla questione di Ignazio Marino e le sue dimissioni da sindaco di Roma, anche per capire se proprio Di Maio potrebbe essere il candidato dei Cinque Stelle. Secondo il grillino se Marino ha mentito su 8 euro di scontrini figuriamoci se non ha mentito anche su Mafia Capitale. Di seguito le risposte alle domande degli utenti del sito Openspace.it.

Il reddito di cittadinanza non è un’elemosina di Stato?
«Non si rivolge solo ai disoccupati, l’Istat in Italia ci dice che sotto i 780 euro, 9 milioni di italiani non riescono ad arrivare a fine mese, quindi ci sono i disoccupati come anche avvocati, ingegneri, un mucchio di persone che non riesce ad arrivare a fine mese. Il reddito di cittadinanza non vale per gli stranieri perchè abbiamo dei flussi così grandi e non avremmo potuto fare la previsione di spesa. Ma cos’è il reddito di cittadinanza? E’ un ragazzo che in Italia a diciotto anni va al centro per l’impiego e chiede di poter lavorare, noi abbiamo bisogno di un sacco di figure professionali, dagli infermieri agli chef, camerieri, webmaster, e tutte queste figure vanno formate e inserite nel mondo del lavoro. Il reddito di cittadinanza è una misura che si da solo a chi si impegna in un corso di formazione tutta la giornata e da otto ore di lavoro pubblico allo stato ogni settimana. E se non lo fai lo perdi perchè chi passa la giornata sul divano non lo può prendere. La nostra legge prevede sei anni di carcere se dichiari il falso nel reddito di cittadinanza. Ma questa non è una legge che ci siamo inventati noi, esiste in tutta Europa. Lo sapete perchè non lo vogliono fare in Italia perchè se andate a vedere le coperture ci trovate l’abolizione delle pensioni d’oro, l’abolizione delle auto blu nella sanità, il dimezzamento dei costi della politica, l’eliminazione delle spese inutili, e quindi è logico che la politica combatta il reddito di cittadinanza perchè noi prendiamo i soldi dalle cose inutili e li mettiamo sulle cose utili».

Grillo ha recentemente sostenuto il premier ungherese Orban, quello che ha costruito un muro con la Serbia contro gli immigrati. Gli stranieri vanno accolti o espulsi? – «Gli stranieri vanno accolti se provengono da zone di guerra o zone di grandi pericoli nel loro Paese. Noi con Orban non condividiamo niente della politica migratoria perchè è uno che spara lacrimogeni sugli esseri umani quindi non condividiamo nulla. Sulle questioni economiche avevamo mosso un apprezzamento perchè le tasse sono al 18%, essendo una tassazione molto bassa abbiamo quindi fatto un’analisi economica. Per quanto riguarda l’Italia per noi il nemico non è l’immigrato ma il business che fanno partiti, cooperative e associazioni sul fenomeno migratorio creando poi il disordine che abbiamo».

Luigi Di Maio (M5S) a OpenSpace, ecco le risposte alle domande del web

Tra i suoi colleghi in Parlamento quanti ladri ci sono secondo lei? Sono più di destra o di sinistra?
«I ladri lo definisce la magistratura chi saranno, però di certo posso dire che questa è una delle legislature con il numero degli indagati e inquisiti più affollata e sembra più nel Partito Democratico, ma credo sia anche una questione matematica perchè hanno un premio di maggioranza abnorme quindi salgono i numeri. Una cosa è certa, non si è ladri solo perchè si ruba, molto spesso si ruba facendo delle leggi: quando in una notte si trasferiscono 7,5 miliardi alle banche prendendo i soldi dalle tasche dei cittadini, stai rubando per legge».

Berlusconi ha detto di lei: perchè non ho un Di Maio?
«Mi state informando voi di questo, non lo sapevo. Però al di là di tutto Berlusconi è abituato a possedere le persone, ma non possederà mai una persona del Movimento 5 Stelle».

I matrimoni gay: lei è favorevole o contrario?
«Se c’è amore ci deve essere possibilità di unirsi, che siano omosessuali o eterosessuali le coppie devono potersi unire. Noi siamo determinanti al Senato per la legge sulle unioni civili che invece il Partito Democratico sta cercando di fare con il partito di Alfano, e immaginate cose ne uscirà fuori».

Secondo lei Renzi si è comprato i voti di alcuni senatori?
«Secondo me sì, nel senso però politico perchè comprato sembra che gli abbia dato soldi invece io credo sarà il solito mercimonio di cariche. E basterà aspettare pochi giorni per capirlo quando il Senato rinnoverà i presidenti delle commissioni, che guarda caso vengono rinnovate dopo l’approvazione della riforma costituzionale».

C’è una legge per legalizzare la marijuana, a favore o contro?
«Io ho votato a favore una legge che legalizza le droghe leggere perchè alla fine vengono sottratte dal dominio delle organizzazioni criminali. Io l’ho firmata per questo».

Chi ha detto che la politica è sangue e merda?
«L’ha detto Formica? Non lo sapevo. Per me la politica è partecipazione, significa che se ti guardi intorno nel tuo territorio e vedi che la tua città cade a pezzi, devi trovare un luogo dove poter contribuire al miglioramento delle cose, al cambiamento. Il sangue dove l’ho visto? Ho visto spendere allo Stato 1 milione al giorno per andare a bombardare l’Afghanistan. La merda l’ho vista ad esempio quando gli vedo regalare soldi alle concessionarie di slot machine con un condono».



Leggi anche: