Scroll to Top

Maltempo: weekend perturbato in Calabria e Sicilia. Scuole chiuse per stato di allerta

Weekend di piogge in Calabria e Sicilia; le estreme regioni meridionali avranno un fine settimana davvero perturbato. Invece, al Centro Nord il tempo sarà prevalentemente soleggiato

Maltempo: weekend perturbato in Calabria e Sicilia. Scuole chiuse per stato di allerta

Il meteorologo di 3bmeteo.com, Francesco Nucera, prevede un fine settimana sott’acqua per il Sud: «Si concentrerà nel weekend sulle estreme regioni meridionali l’ondata di maltempo che sta interessando l’Italia, con fenomeni anche forti in Calabria e Sicilia – ha spiegato – l’alta pressione prevarrà invece al Centro Nord, con un weekend di Ognissanti stabile e in prevalenza soleggiato». Invece, il fine settimana sarà molto perturbato in Calabria e Sicilia. La bassa pressione si fermerà per qualche giorno sui mari meridionali interessando, in particolare, la Sicilia e la Calabria con il rischio di forti ed insistenti precipitazioni soprattutto sui versanti ionici. Soffieranno venti forti che arriveranno da Levante e i mari si presenteranno in burrasca; il tempo migliorerà solo a partire da lunedì, dopo le ultime piogge. L’alta pressione sarà invece garanzia di un fine settimana soleggiato e tenue al Centro Nord: «A parte qualche disturbo di passaggio, l’alta pressione dovrebbe dominare in Italia e su molte Nazioni d’Europa per almeno dieci giorni» ha concluso Nucera.

Scuole chiuse nella Calabria ionica e nella Sicilia orientale
Visto lo stato di allerta (livello 2), alcuni comuni calabresi hanno deciso di chiudere le scuole per oggi: Rossano, Corigliano Calabro, Cirò, Reggio Calabria, Locri, Siderno, San Roberto, Motta San Giovanni, Roccaforte del Greco, San Lorenzo e Melito Porto Salvo. Lo stesso dicasi per le scuole di molti comuni della Sicilia Orientale, a partire da Messina, dove gli istituti scolastici sono già chiusi da tre giorni a causa dell’emergenza idrica che sta affliggendo la città peloritana e per cui si è mobilitato anche il web.



Leggi anche: