Scroll to Top

Milano, le consegna una pizza poi la violenta e deruba: arrestato pony express egiziano

Il 22 aprile scorso aveva violentato a Milano una donna a cui aveva portato una pizza e una birra con il suo servizio di pony express; assicuratosi che la vittima fosse sola in casa, l’aveva violentata e poi derubata. Il giovane era scappato per qualche tempo in Egitto

Milano, le consegna una pizza poi la violenta e deruba: arrestato pony express egiziano

Un pizzaiolo egiziano di 19 anni, addetto al servizio di consegna delle pizze a domicilio, è stato arrestato a Milano, su mandato del gip Ambrogio Moccia, con l’accusa di aver violentato, lo scorso 22 aprile, una donna residente nel capoluogo lombardo dopo averle portato una pizza e una birra nel suo appartamento; la giovane si era fatta medicare al servizio antiviolenza della Mangiagalli, da dove era poi partita la denuncia. Gli agenti della Polizia locale hanno cominciato ad intercettare i telefonini dei dipendenti della pizzeria in cui il giovane era impiegato (in nero) e dalle loro conversazioni erano giunte delle conferme. Tra l’altro, qualche giorno dopo lo stupro, la donna si era anche recata nella pizzeria per prendere informazioni sul giovane (resosi nel frattempo irreperibile scappando in Egitto) ed era stata praticamente minacciata dai gestori, connazionali dell’aggressore. In più, anche i parenti del giovane avevano cercato di depistare le indagini quando il fratello dell’egiziano era stato convocato come testimone dalla polizia. Gli investigatori hanno quindi deciso di bloccare le indagini affinchè il diciannovenne si illudesse che si fossero arenate e tornasse a Milano; cosa che lui ha fatto in questo mese, quando ha rimesso piede in Italia sentendosi ormai al sicuro. Invece è stato subito fermato e arrestato.

«Non c’è nessuno con te?» e poi lo stupro
Come ricostruito dal “Corriere della sera”, lo scorso 22 aprile la donna, una 41enne che vive in zona Lambrate, ha voglia di una pizza e la ordina presso un pizzeria egiziana poco distante specializzata nel servizio di pony express. Pochi minuti dopo, arriva il giovane egiziano con la pizza e una birra; entra in casa e la donna lo paga aspettando il resto. Mentre lui conteggia i soldi che le deve, le inizia a chiedere se sia sola in casa, come raccontato dalla donna nella denuncia, e alla sua risposta affermativa subito chiude la porta d’ingresso, le salta addosso e la violenta. Una volta finito, scappa via rubandole tutto il contenuto del portafoglio; la donna rimane paralizzata dallo shock per tutta la notte, poi, il mattino dopo, riesce ad inviare un sms ad un’amica scrivendole: «Mi hanno violentata». Gli inquirenti stanno cercando di capire se l’egiziano sia responsabile di altre violenze su donne sole commesse sempre durante la consegna di pizze a domicilio.



Leggi anche: