Scroll to Top

Napoli, giustiziato in strada con un colpo di pistola alla testa: ferito anche il fratello

Il ragazzo di anni 24 aveva precedenti penali per rapina e stupefacenti. Ferito anche il fratello ad un braccio. Tra gli abitanti del quartiere nessuno ha sostenuto di aver assistito alla sparatoria. Secondo omicidio in meno di un mese

Napoli, giustiziato in strada con un colpo di pistola alla testa: ferito anche il fratello

Ancora sangue a Napoli. Stavolta a perdere la vita un giovane di 24 anni, Domenico Aporta, con precedenti penali per rapina e spaccio di stupefacenti, ritenuto vicino al clan di camorra “Vinella Grassi”. Il ragazzo è stato ucciso la scorsa notte a San Pietro a Patierno, alla periferia di Napoli, da almeno un colpo di arma da fuoco alla testa. Nella vicenda è rimasto ferito ad un braccio anche il fratello 21enne della vittima, Mariano, incensurato. Sul caso indaga la Polizia di Stato. Il ragazzo, interrogato, ha dichiarato di essere stato ferito in Piazza Di Vittorio, dunque in un luogo diverso da quello in cui è stato ucciso il fratello Domenico, raggiunto da un proiettile alla testa in via Monte Faito, all’altezza del lotto 19. Tuttavia gli inquirenti, corsi sul luogo indicato per gli accertamenti, non hanno ritrovato nè tracce di sangue, né bossoli, e tantomeno lo scooter che il giovane aveva detto di aver abbandonato dopo gli spari. Mariano ha inoltre dichiarato di essere venuto a conoscenza dell’omicidio del fratello tramite la polizia. Nessun residente in via Monte Faito ha offerto la propria collaborazione agli inquirenti per la ricostruzione dell’accaduto, e anzi gli abitanti del quartiere hanno sostenuto di non aver assistito alla scena e di non aver udito la sparatoria, nonostante alcuni proiettili abbiano colpito alcune persiane di abitazioni vicine.

Secondo omicidio in meno di un mese
Quello di Domenico è il secondo omicidio compiuto in un mese nel quartiere di San Pietro a Patierno. A perdere la vita in un agguato lo scorso 19 settembre il 26enne Andrea Saraiello, incensurato, che aveva pubblicato su Facebook una sua foto con una pistola rivolta verso la testa. Il ragazzo, che nell’ultimo periodo frequentava amici poco raccomandabili, è stato assassinato con tre colpi di pistola in una stradina di periferia mentre era in sella ad uno scooter.

Leggi anche: