Scroll to Top

Napoli sotto shock: Padre Pio senza testa sul lungomare, la statua è stata decapitata

Decapitata la statua di Padre Pio sul lungomare napoletano. La signora Rita, che pose la statua otto anni fa, se la prende con i pochi controlli della zona. Continuano le indagini sui delinquenti, intanto i napoletani sono scioccati dalla vicenda

Napoli sotto shock: Padre Pio senza testa sul lungomare, la statua è stata decapitata

La statua di Padre Pio posta sul lungomare di Napoli è stata decapitata. Nella mattinata di ieri è stata ritrovata la statua senza testa. La polizia, subito avvisata dell’accaduto, si è recata sul posto assieme ai vigili del fuoco e i sommozzatori della squadra, che hanno iniziato a passare al setaccio i fondali alle spalle della statua, sulla scogliera frangiflutto di Mergellina in via Caracciolo, sperando che i delinquenti avessero lanciato la testa in acqua. Ma della testa del Santo con le stimmate non è stato trovato nulla, la polizia sembra essere sicura solo del modo in cui sia stata asportata la testa: è stata “staccata” di netto, probabilmente con un seghetto. E se in acqua non è stata ancora ritrovata, probabilmente è perché i vandali hanno portato via il capo come trofeo, quasi come se fosse una vittoria. La vicenda ha lasciato i napoletani sotto choc: «Chi e perché ha commesso un vandalismo così sacrilego?» E’ la domanda che tutti si pongono, in particolare la signora Rita. A denunciare l’accaduto è stata proprio lei, che fece installare la statua in memoria di San Pio e in segno di devozione: «Otto anni fa mio figlio ebbe un difficile intervento al cuore. Rivolsi le mie preghiere a Padre Pio e lui fece un miracolo: ha aiutato mio figlio a superare l’intervento e a guarire», così la donna ha deciso di collocare la statua che è diventata tutt’oggi meta di pellegrinaggio di molti fedeli.

S’indaga ma sarà difficile risalire ai colpevoli
La procura di Napoli e le forze dell’ordine continuano ad indagare. Per gli investigatori la testa non sarebbe stata distrutta, infatti non è stato trovato nessun frammento o pezzo nei dintorni della statua che faccia pensare che sia stata abbattuta. Tuttavia polizia e carabinieri, anche se appare sempre più difficile che si possano individuare gli autori, stanno rilevando le immagini delle telecamere di sorveglianza nei dintorni. Anche perché la statua è stata posta proprio di fronte al consolato degli Stati Uniti d’America, obiettivo sensibile sempre presidiato, 24 ore su 24, dai militari che tutelano la sicurezza. E proprio con i professionisti della sicurezza che la signora Rita ha protestato: «Com’è possibile che due o tre balordi siano stati capaci di deturpare la statua, decapitandola senza che nessuno degli addetti alla sicurezza se ne sia accorto?» d’altronde con tutta la gente che ogni giorno a tutte le ore passava su quella strada, è impossibile che qualcuno non abbia visto niente. Il santo era diventata una tappa per tutti i napoletani che la domenica andavano a portare un omaggio al frate con le stimmate. Trasformata, nel corso degli anni, un faro di protezione per la navigazione e per i marinai e barcaioli di Mergellina. Questo è stato un gesto vandalico che ha lasciato tutti sconvolti, nessuno poteva immaginare un simile atto di vandalismo. Ma non è il primo episodio di questo genere per la regione napoletana. Già a giugno scorso fu trovata decapitata un’altra statua di Padre Pio, a Castellamare di Stabia. Anche allora si parlava di vandali, che non sono mai stati individuati.



Leggi anche: