Scroll to Top

Palermo: tenta di buttare la madre dal balcone, 25enne arrestato nel quartiere Brancaccio

E’ accaduto nel popoloso quartiere Brancaccio: un 25enne, F.R., agli arresti domiciliari, non aveva mai accettato la separazione dei genitori. La donna, 47 anni, è stata salvata dalla segnalazione di alcuni vicini alle forze dell’ordine, dopo che avevano visto il figlio che cercava di spingerla oltre la ringhiera

Palermo: tenta di buttare la madre dal balcone, 25enne arrestato nel quartiere Brancaccio

Due notti fa, un 25enne palermitano, F.R., è stato arrestato dalla polizia nel quartiere Brancaccio con l’accusa di tentato omicidio: il giovane, che si trovava agli arresti domiciliari, ha infatti cercato di uccidere la propria madre buttandola giù dal balcone di casa. Ma i vicini, dopo aver sentito la donna urlare e il giovane che cercava di sollevarla mentre lei si teneva saldamente alla ringhiera, hanno subito allertato la polizia. Le volanti sono subito piombate in largo Giuliana e sono riusciti a fermare il giovane e salvare la madre, che aveva il viso completamente ricoperto di sangue. La vicenda è accaduta tra le 21 e le 22 di lunedì, quando alla sala operativa del 113 sono giunte diverse chiamate che segnalavano una violenta lite familiare: «Correte, la butta giù!» ha gridato al telefono uno dei vicini.

Il giovane non accettava il divorzio dei genitori
Quando le volanti sono arrivate sul posto, attorno alla palazzina bassa dove abitano i componenti di quella famiglia litigiosa si era formato un grosso capannello di persone pronte ad intervenire nel caso in cui il giovane fosse riuscito a buttare la madre dal balcone, sito al secondo piano; i poliziotti sono entrati nell’abitazione solo grazie all’intervento di una persona che è riuscita a distrarre il ragazzo, completamente fuori di sé. La donna è stata salvata, anche se in stato di shock e con diverse fratture al naso e agli zigomi, mentre il figlio è stato immobilizzato e ammanettato. Il tentato omicidio della donna è arrivato al culmine di una lite, durante la quale il 25enne ha colpito la madre con alcuni pugni al volto. Secondo la testimonianza dei vicini, il giovane non aveva mai accettato la separazione dei genitori, incolpandone per qualche motivo la madre, e stava cercando di convincere la donna, con le buone o le cattive, a riallacciare i rapporti con il padre. Ricoverata in ospedale, per la donna è stata stabilita una prognosi di almeno trenta giorni. Il ragazzo è stato condotto al carcere Pagliarelli.



Leggi anche: