Scroll to Top

Pasqua e Pasquetta in Salento: eventi, consigli e luoghi da visitare

Eventi e suggerimenti per una Santa Pasqua all’insegna, si spera del bel tempo, e della possibilità della diffusa abitudine della “gita fuori porta”, proviamo a vedere cosa ci offre per questo periodo il Salento, questa terra nobile e meravigliosa

Pasqua e Pasquetta in Salento: eventi, consigli e luoghi da visitare

Con l’arrivo della primavera, e dell’ora legale, siamo entrati ufficialmente nel periodo pre Pasquale: l’aria mite, i colori tenui, le giornate più lunghe, scacciando il grigiore dell’inverno, inevitabilmente ci conducono alla festa religiosa più dolce dell’anno, con le sue tradizioni mistiche e, perché no, enogastronomiche. Illustrando quindi eventi e suggerimenti per una S. Pasqua all’insegna, si spera, del bel tempo e della possibilità della diffusa abitudine della “gita fuori porta”, proviamo a vedere cosa ci offre per questo periodo il Salento, questa terra nobile e meravigliosa, per passare al meglio una piccola vacanza. Diciamo subito che i festeggiamenti tra Lecce e la sua provincia iniziano con la Domenica delle Palme, tradizione antica e sempre molto sentita: le strade e le vetrine dei negozi vengono addobbate ed abbellite, al pari del Natale: e poi mercatini, bancarelle e manifestazioni varie, molto spesso mirate all’esposizione e vendita di tipici prodotti salentini. Ma ovviamente non è solo vendita e festa: la S. Pasqua è, soprattutto, una tradizione di ritualità e di spirito e i riti religiosi che si susseguono in questo periodo ne sono l’esempio: uno fra tutti è il rito dei Sepolcri, che si celebra il Giovedì Santo in tutte le chiese di Lecce e della provincia, a partire dallo splendido Duomo, in taluni casi anche con rappresentazioni animate, vere e proprie raffigurazioni teatrali.

Continuando, la stessa intensità viene riservata anche per la Via Crucis e la processione del Cristo Morto del Venerdì Santo, (dove la croce viene portata da una donna, accompagnata da 12 uomini che raffigurano gli apostoli) e per la solenne messa in notturna del Sabato, con la veglia di Preghiera che precede la festa della Domenica di Pasqua. Vediamo solo alcune località con le loro iniziative: Maglie con la caratteristica Fiera dei Campanelli; Tuglie, Sannicola, Parabita, Alezio e Gallipoli con le confraternite che animano la processione del Venerdì Santo; Casarano con la tradizione de Lu Santu Lazzaru, dove vari gruppi di cantanti popolari suonano musica tradizionale in cambio di beni alimentari. E potremmo continuare per ore.

Aggiungiamo qualche suggerimento anche per la Pasquetta, giornata dedicata a gite all’aperto e pic nic con famiglia e amici: è il giorno successivo alla grande celebrazione, ma non per questo meno festoso! A Lecce e nel Salento si usa preparare un pranzo tradizionale, da gustare in campagna o in masserie e agriturismi dell’entroterra, per poi concludere la settimana di festeggiamenti con una passeggiata su una delle tante e meravigliose spiagge della zona, da Otranto a Gallipoli, da Castro Marina a Santa Cesarea Terme o Santa Maria di Leuca.

Ma non finisce qui! Nel Salento la festa si protrae fino a martedì: da diversi anni ormai, infatti, l’amministrazione comunale di Lecce organizza il tradizionale appuntamento con “Lu Riu”, per vivere appieno il bellissimo Parco di Rauccio: un prolungamento della festa di Pasquetta, durante la quale si svolgono caccie al tesoro, escursioni, giochi all’aperto. Il nome “Riu” sembra abbia origine da una forma dialettale di “d’Aurio”, chiesetta di campagna dove i leccesi venerano la Madonna di Loreto. Altri sostengono invece che il termine sia legato alla conformazione del Parco di Rauccio, cuore della festa.

E quindi, cosa aspetti a passare la Pasqua in Salento, visto che ci regala addirittura un giorno di festa in più? Se stai pensando di partire e sei in cerca di un alloggio a Lecce puoi cercare su nelsalento.com.



Leggi anche: