Scroll to Top

Prince, 700 persone vorrebbero la sua eredità: si ricorre al test del Dna

Sarebbero 700 le persone che vorrebbero l’eredità di Prince, il cantante morto lo scorso 21 aprile. Un campione del suo sangue, verrà prelevato, per effettuare un test del Dna e vedere se tra queste persone ci sia qualcuno che abbia diritto davvero a parte del patrimonio

Prince, 700 persone vorrebbero la sua eredità: si ricorre al test del Dna

È morto il 21 aprile scorso per overdose di antidolorifici oppiacei. Si è subito parlato di eredità. Il cantante Prince lascia ai suoi eredi circa 500 milioni di dollari. Sette gli eredi legittimi ad usufruire ufficialmente di parte del patrimonio. Secondo la legge del Minnesota, fratelli e fratellastri hanno gli stessi diritti ereditari, quindi sia la parente più stretta, sua sorella Tyka Nelson, cantante 55 enne, sia i fratellastri e le sorellastre, godranno del patrimonio a pari livelli. Duane e Lorna, figli di primo letto del padre, sono già deceduti, rimangono John, Norrine e Sharon. Dalla parte della madre ci sono Alfred e Omarr Baker, nati dal matrimonio con Hayward Baker. In più, c’è una nipote, Victoria, figlia di Duane. Adesso a distanza di quasi un mese, risultano essere in 700 le persone che vorrebbero entrare a far parte della cerchia dei privilegiati. Diversa gente si è fatta avanti, su basi davvero insulse. «Prince compare nelle foto di famiglia», spiega una donna. «Vivevamo vicini, è sicuro che imparentati», sostiene un’altra.

Test del Dna
Il giudice Kevin Eide, ha chiesto che venga prelevato un campione del sangue di Prince, per effettuare un test del Dna. Solo con questo elemento di riferimento sarà possibile stabilire chi tra le 700 persone sia consanguineo con il cantante e abbia, anche se minimo, diritto a parte dell’eredità. Prince non ha lasciato nessun testamento e ciò vuol dire che ci vorranno anni per risolvere tutto. Basti pensare che ancora oggi, dopo 35 anni, l’eredità di Bob Marley, un altro gigante deceduto senza testamento, è ancora in fase di divisione.



Leggi anche: