Scroll to Top

Processo escort a Bari, Sabina Began: “Ho amato tanto Silvio Berlusconi”

E’ ripreso in questi giorni a Bari il processo che vede imputati Gianpaolo Tarantini e Sabina Began per un giro di escort nelle residenze dell’ex premier Silvio Berlusconi. La Began ha voluto rendere alcune dichiarazioni spontanee ai giudici

Processo escort a Bari, Sabina Began: "Ho amato tanto Silvio Berlusconi"

Di nuovo in scena, in questi giorni, a Bari il processo per un presunto giro di escort nelle residenze dell’ex premier Silvio Berlusconi e che vede come principali imputati l’ex imprenditore Gianpaolo Tarantini e Sabina Began, al secolo Sabina Beganovich, accusati a vario titolo di favoreggiamento e induzione alla prostituzione. La Began, visibilmente commossa e in lacrime, ha voluto rilasciare alcune dichiarazioni spontanee ai giudici della II sezione penale del tribunale pugliese, prima della conclusione del processo: «Ho amato davvero tanto Silvio Berlusconi – ha esordito Sabina – e avrei fatto di tutto per lui, per me è stato prima un fidanzato e poi un padre. Ho dichiarato di aver fatto i “bunga bunga”, ma lo sanno tutti che non era vero». L’attrice ha inoltre affermato che «io lavoravo, come sempre, non ho mai avuto bisogno di far prostituire ragazze per guadagnare. Ho organizzato diverse cene, l’ho fatto per lui, volevo compiacerlo, ma oggi mi pento e chiedo perdono a Dio». Poi, il legale della donna, Fabrizio Siggia, durante la sua arringa ha parlato di un vuoto probatorio che non permetterebbe assolutamente di sostenere una sentenza di condanna per la sua assistita.

Quando George Clooney cenò con Berlusconi
Nell’udienza di ieri, la parola è stata dei difensori di tre dei sette imputati e lo stesso Tarantini ha fatto sapere di voler rendere delle dichiarazioni spontanee. Ormai tutto volge alle battute finali. La Began, durante le sue dichiarazioni interrotte ogni tanto da crisi di pianto, ha fatto poi riferimento a quella famosa cena in cui Berlusconi cenò con George Clooney in una delle sue residenze; in quella circostanza, l’attrice, analogamente all’ex imprenditore Tarantini, avrebbe reclutato diverse ragazze presunte escort: «Il mio compito era solo quello di portare delle ragazze e far sì che tutto fosse perfetto per l’uomo che amavo – ha dichiarato – era come un teatro dove tutto doveva essere perfetto. Mi rendo conto di aver usato delle parole dure nei confronti delle ragazze portate da Tarantini in quell’occasione, e me ne scuso. Ma lo feci solo perchè non erano abbastanza eleganti, dopotutto c’era Clooney e volevo che ogni cosa fosse perfetta e al suo posto. Vi prego di giudicarmi con il cuore – ha concluso la donna – e non solo con la legge».



Leggi anche: