Scroll to Top

Recanati: madre uccide il figlio di 6 anni, poi si toglie la vita

A Sambucheto di Recanati, nelle Marche, una tragica storia con protagonisti una madre e un figlio. Sono stati trovati morti nella fabbrica di cartone di proprietà del padre. Si tratterrebbe di omicidio-suicidio

Recanati: madre uccide il figlio di 6 anni, poi si toglie la vita

È accaduto a Sambucheto di Recanati, nelle Marche. Laura Paoletti, trentaduenne e il suo figlio di appena sei anni, Giosuè Lucaroni, sono stati trovati morti nella fabbrica di cartone di proprietà del padre di lei. A ritrovare il corpo ormai senza vita di entrambi, è stato proprio il nonno del piccolo. Una tragica fine. Dalle prime ricostruzioni risulterebbe l’ipotesi dell’omicidio-suicidio. La donna si sarebbe procurata il fucile di caccia del padre, avrebbe sparato al piccolo al capo per poi rivolgere l’arma contro se stessa, sotto al collo e togliersi la vita. Inutile la chiamata ai soccorsi. Ormai non c’era più nulla da fare. Sconvolto e pieno di dolore il padre e così anche tutta la comunità di Recanati. La famiglia Paoletti era molto conosciuta e stimata in paese. La donna conduceva una vita tranquilla, o almeno così sembrava. Laureata in economia, era titolare di un’attività di cartotecnica della zona. Si era temporaneamente trasferita in casa del padre. Stava ristrutturando una casa in campagna dove andare a vivere con il bambino.

Era in fase di separazione dal marito
Laura si era separata dal marito. Le pratiche erano ormai agli atti finali. Si stavano definendo i particolari degli incontri tra il padre e il figlioletto. Proprio ieri alle 16 il padre doveva andare a fare visita al bambino e portarlo un po’ con sé dopo mesi di tensioni. Laura non risultava essere molto d’accordo su questo. Aveva infatti vietato al padre di vedere il figlio per diversi giorni. Aveva addirittura denunciato l’uomo per stalking perché si era recato a scuola, a sua insaputa, per vedere suo figlio. Ancora dubbi e perplessità sul motivo del folle gesto. Gli agenti stanno indagando per poter dare una risposta al tragico evento.



Leggi anche: