Scroll to Top

Ristrutturare casa è fonte di stress per 7 coppie su 10

Già di per sé l’acquisto dell’immobile e l’arredo richiedono molte energie e sono fonte di stress, quando ci si mette pure una ristrutturazione impegnativa è facile che le coppie si ritrovino imbrigliati in una rete di ansia di cui non si vede la fine

Ristrutturare casa è fonte di stress per 7 coppie su 10

Una casa di proprietà è il sogno di ogni coppia. Spesso per riuscire a realizzarlo i giovani devono acquistare abitazioni datate in cui è fondamentale effettuare delle opere di ristrutturazione. E questo è il problematico risvolto della medaglia. Già di per sé l’acquisto dell’immobile e l’arredo richiedono molte energie e sono fonte di stress, quando ci si mette pure una ristrutturazione impegnativa è facile che le coppie si ritrovino imbrigliati in una rete di ansia di cui non si vede la fine. Ristrutturare è però fondamentale affinché gli spazi possano esser resi vivibili e confortevoli. ArchitettaMi ha recentemente effettuato un’interessante ricerca online sulla relazione tra coppie e casa. È tra le pareti domestiche che la maggior parte delle incomprensioni e delle liti hanno luogo, si parla di 7 su 10. L’insoddisfazione nei confronti della propria residenza è causa delle liti stesse nelle coppie più o meno giovani, in modo particolare quando ci si deve rapportare con le importanti scelte dei colori, dello stile degli arredi e la disposizione della mobilia. I problemi su cui si concentrano le difficoltà delle coppie sono per lo più quelli relativi alle migliori soluzioni estetiche e funzionali dell’ambiente da ristrutturare e quello di non avere una figura professionale di riferimento che possa essere utile nei consigli.

Non mancano poi le discussioni in termini economici, che sono tra le più imponenti soprattutto in periodi di crisi come quello che stiamo vivendo. I costi di una ristrutturazione possono essere anche importanti, ma di certo gli interventi in molte situazioni sono necessari affinché la casa possa riacquistare armonia e comodità. A creare maggiori discussioni sono, in ordine di importanza secondo la ricerca, il salone, la cucina, la camera da letto e infine il bagno. Sempre secondo la ricerca gli italiani hanno specifiche priorità in termini di ristrutturazione. La prima caratteristica che l’intervento deve garantire è la comodità, il comfort che l’ambiente deve avere. Una buona percentuale, circa il 38%, ritiene fondamentale che la ristrutturazione tenga in considerazione le tendenze del design contemporaneo. Non meno importante, sopratutto per chi ha una casa dalla metratura limitata, è l’ottimizzazione di tutti gli spazi disponibili.

Ad alimentare il fuoco delle discussioni di coppia quando si parla di casa una buona componente è quella del fai da te che in molti casi sfocia in ulteriori discussioni e disaccordi. Altri problemi comunemente rilevati dalla ricerca sono professionisti poco competenti o frettolosi e gli errori nell’abbinamento delle tonalità. Per questi motivi è fondamentale che chi si approccia al mondo della ristrutturazione abitativa faccia riferimento ad aziende consolidate, in grado di offrire una consulenza e una progettazione ad hoc e meglio ancora se in grado di offrire pacchetti chiavi in mano, in grado di ridurre notevolmente il livello di stress che la ristrutturazione comporta.



Leggi anche: