Scroll to Top

Roma: parte la Social Media Week, cinque giorni di discussione sull’era tecnologica

Dal 12 al 16 settembre, Roma sarà il palcoscenico di discussione della Social Media Week, un evento organizzato apposta per parlare di Internet e di tutti i suoi molteplici aspetti; quest’anno il tema centrale dell’evento, giunto alla terza edizione, sarà il ruolo fondamentale odierno della tecnologia

Roma: parte la Social Media Week, cinque giorni di discussione sull'era tecnologica

E’ ripartita la Social Media Week; quest’anno a Roma si terrà la terza edizione dell’evento, dal 12 al 16 settembre, organizzato da Business International e dedicato al mondo di Internet e a tutti i suoi molteplici aspetti. Il tema centrale di quest’anno è “La mano invisibile: le forze oscure della Tecnologia” è vedrà la discussione, con testimonianze da diverse parti del mondo, sul ruolo ormai fondamentale e insostituibile della tecnologia e di tutte le sue potenzialità che, anche se nascoste, modellano ogni giorno i comportamenti stessi degli utenti trasformando il modo di agire e comunicare. Queste cinque giornate saranno scandite da numerosi incontri tematici ideati per gli imprenditori, i manager e gli appassionati di tecnologia e digitale; una novità sarà parlare della #PA Social Academy, un’accademia social per le pubbliche amministrazioni. Ampio spazio sarà dato anche alla musica, il cinema e le serie tv: si parlerà dei diritti d’autore e della musica digitale, che a tutt’oggi rappresenta il 68% del mercato musicale. Proprio il 12 settembre è stato il giorno di Gabriele Muccino, intervistato via social, e soprattutto del GomorraDay: insieme ai protagonisti saranno rievocati i passi salienti della serie, ideata da Roberto Saviano. Ma non si parlerà solo di spettacolo e musica, una buona tranche sarà dedicata al “Food&Wine”, con tanti eventi pubblicizzati via social; si parlerà degli influencers dei social del mondo del vino 2016 assieme a Marilena Barbera, unica italiana citata nella classifica dei Social Vignerons, che include la Top 20 degli influencers del mondo del vino sui social a livello mondiale.

Un ultimo spazio sarà per l’arte, che riguarderà il cambiamento del modo di fare arte con la tecnologia digitale e soprattutto comunicarla; uno sguardo particolare sarà rivolto alla commercializzazione e l’esposizione di opere d’arte attraverso musei virtuali, gallerie online, piattaforme di crowdsourcing e social network di artisti.



Leggi anche: