Scroll to Top

Roma: turista australiano in “luna di miele” cade dal quinto piano di un hotel, gravissimo

E’ accaduto nella centralissima piazza della Repubblica, a due passi dalla stazione Termini: l’uomo, 36 anni, è precipitato, forse ubriaco, dal quinto piano dell’hotel Boscolo. Ma le dinamiche sono ancora tutte da chiarire

Roma: turista australiano in "luna di miele" cade dal quinto piano di un hotel, gravissimo

E’ giallo nella Capitale; un turista australiano di 36 anni è ricoverato al policlinico Umberto I dopo essere precipitato, nel pomeriggio di domenica, dal quinto piano del centralissimo Hotel Boscolo Exedra, sito in piazza della Repubblica, a pochi metri dalla stazione Termini. L’uomo è in gravissime condizioni e sta lottando tra la vita e la morte. L’australiano si trovava in vacanza a Roma insieme alla moglie quarantenne, che pare non si sia accorta di nulla; sembra che i due stessero facendo un viaggio riparatore, una sorta di luna di miele in ritardo, in quanto saltata dopo il matrimonio. Quando il marito è caduto giù dal balcone della loro camera d’albergo, la donna stava dormendo, come ha raccontato lei stessa ai poliziotti del commissariato Viminale. A chiamare i soccorsi sono stati altri clienti che in quel momento si trovavano all’interno dell’hotel; l’uomo è stato immediatamente trasportato al policlinico in ambulanza. Al momento, gli inquirenti non escludono alcuna ipotesi, compreso il tentato suicidio, che sembra attualmente il sospetto maggiore; la moglie, sotto shock, ha dichiarato agli agenti di aver litigato con il marito e poi di essere andata a dormire in camera. Un’altra ipotesi che sembra farsi largo è che l’australiano, probabilmente ubriaco, si sia affacciato sporgendosi troppo dal cornicione, abbia perso l’equilibrio e sia poi precipitato. Cadendo, ha sbattuto sul terrazzino del secondo piano, che sporge in avanti più degli altri, ed era anche in mutande: così lo hanno rinvenuto i soccorritori. Pare comunque che anche la moglie fosse ubriaca al momento del presunto litigio.



Leggi anche: