Scroll to Top

Russia, drogava e uccideva le sue vittime, poi le mangiava: in carcere la strega ‘Baba Yaga’

Tamara, conosciuta in Russia come la reale Baba Yaga (strega della mitologia), sta scontando la sua pena in un carcere di massima sicurezza. La donna drogava e uccideva le sue vittime, e spesso si cibava della loro carne. Aveva dichiarato che ad ordinarle di uccidere 13 persone sarebbe stata una forza superiore, il Maligno

Russia, drogava e uccideva le sue vittime, poi le mangiava: in carcere la strega 'Baba Yaga'

Sceglieva la sua vittima, la uccideva e poi la mangiava. Purtroppo non si tratta di Baba Yaga, la figura leggendaria conosciuta in Russia come una strega che si nutre di carne umana e raccontata ai bambini dalle proprie madri per farli stare buoni, ma è la tragica verità che ha portato alla morte di ben 13 persone per mano di una 68enne russa. La Baba Yaga reale, considerata una strega dei nostri giorni, è stata arrestata la scorsa estate con l’accusa di essere la responsabile della morte di 13 persone. Durante le perquisizioni la polizia avrebbe persino trovato nella sua abitazione un diario dove teneva il conto delle sue vittime. Tamara Samsonova, questo il suo nome, avrebbe dichiarato in sua difesa che ad ordinarle di uccidere sarebbe stata una forza superiore. Nel corso delle indagini si è pensato ad un semplice caso di follia criminale, o di sdoppiamento della personalità, ma dietro questa tragica vicenda, alcuni pensano ci sia davvero la mano del Maligno. La donna è stata incastrata da alcuni filmati di una telecamera di sicurezza che l’hanno ripresa quando, avvolta in un impermeabile con cappuccio, trascinava fuori casa un sacco di plastica, a vista particolarmente pesante. Così la polizia ha eseguito ulteriori indagini, trovando infine, nei pressi di un laghetto, il corpo senza testa di una donna di 79 anni, proprio all’interno di una sacco per la spazzatura. La vittima sarebbe stata fatta a pezzi da Tamara con una sega e un coltello. Una volta giunte nella casa della donna, le autorità si sono ritrovate davanti uno scenario sconvolgente, una vera e propria casa degli orrori, da cui è emersa anche tutta la sua passione per la magia nera grazie al ritrovamento di diversi libri in materia. A loro avviso, l’efferatezza dei suoi delitti potrebbe essere riconducibile proprio a questo amore per il lato oscuro. In un altro sacco è stata ritrovata un’altra testa umana, che Tamara, che si è cibata anche delle carni di altre vittime, avrebbe persino tentato di cucinare. In tutto avrebbe ucciso 13 innocenti.

Rinvenute tracce di sangue sui coltelli ritrovati nell’abitazione della ‘strega’ – La donna, conosciuta in Russia come la strega Baba Yaga della realtà, uccideva le sue vittime con la stessa modalità: prima sceglieva la sua preda, poi la drogava e la uccideva con un coltello, per cibarsi infine della sua carne. Lo confermano anche le tracce di sangue che sono state riscontrate sui coltelli ritrovati nella sua abitazione. La polizia russa continua ancora oggi le indagini, nell’eventualità che ci possano essere altre vittime. Intanto Tamara sta scontando la sua pena in un carcere di massima sicurezza.



Leggi anche: