Scroll to Top

Scozia, gemellini di due anni annegano nello stagno. Genitori convinti giocassero in casa

Gemellini annegati in uno stagno per i pesci, i genitori erano convinti stessero giocando dentro casa: «Li ameremo per sempre. Ce li hanno portati via troppo presto. Adesso vogliamo essere lasciati soli». La polizia indaga per capire come abbiano fatto ad eludere il controllo dei genitori ritrovandosi nel giardino sul retro

Scozia, gemellini di due anni annegano nello stagno. Genitori convinti giocassero in casa

I genitori erano convinti che stessero giocando in casa, invece stavano annegando nello stagno dei pesci che si trovava sul retro della loro casa. È la drammatica sorte toccata a due gemellini di appena due anni, Shaun e Rhys Scott, che ha sconvolto Dalgety Bay, una città della costa del Fife, in Scozia, e l’intero Regno Unito. Secondo quanto riportato i due fratellini sarebbero morti dopo essere sfuggiti all’attenzione dei genitori, convinti che fossero dentro casa, cadendo all’interno della vasca. Quando i genitori, Sarah Aitken, 32 anni, e Mervyn Scott, 30, si sono accorti che i figlioletti erano sul fondo dello stagno, hanno chiamato subito i soccorsi e i due bimbi sono stati trasportati d’urgenza al Victoria Hospital. Purtroppo però era troppo tardi: per Shaun e Rhys non c’è stato nulla da fare e i medici non hanno potuto fare altro che constatare il loro decesso. Intanto la polizia indaga sulla drammatica morte dei gemellini per cercare di capire come abbiano fatto ad eludere il controllo dei genitori per ritrovarsi nel giardino sul retro della loro abitazione, vicino allo stagno dei pesci. Un amico di famiglia ha riferito al tabloid The Sun che «i genitori erano convinti che i figli stessero giocando tranquillamente dentro». «È un incubo. Non so come un genitore possa reagire a una perdita così atroce», ha aggiunto.

«Pieni d’amore e di felicità»
I genitori sono disperati per la terribile perdita, ma hanno deciso di rilasciare una straziante dichiarazione pubblica per ringraziare tutti coloro che gli sono vicini: «Ci mancheranno per sempre, li ameremo per sempre. Ce li hanno portati via troppo presto. Adesso vogliamo essere lasciati soli». I due gemellini, descritti dai genitori come «pieni d’amore e di felicità», sono morti sabato 12 marzo, nelle prime ore del mattino. Un portavoce della polizia ha riferito che la famiglia sta ricevendo in queste ore «tutto il supporto necessario» e che è in corso «un’inchiesta per stabilire le precise circostanze dell’episodio».



Leggi anche: