Scroll to Top

‘Se mi lasci non vale’, al cinema il nuovo film di Vincenzo Salemme: trama e trailer

Il 21 gennaio arriva al cinema l’ultima pellicola diretta e interpretata da Vincenzo Salemme, “Se mi lasci non vale”: un commedia degli equivoci che si trasforma in una riflessione sul teatro e sulla figura dell’attore

'Se mi lasci non vale', al cinema il nuovo film di Vincenzo Salemme: trama e trailer

Salemme torna ruggente al cinema: il prossimo 21 gennaio uscirà in tutta Italia la commedia “Se mi lasci non vale”, diretta dal comico napoletano, che la interpreta assieme al fido Carlo Buccirosso, Paolo Calabresi, Serena Autieri e Tosca D’Aquino. La trama: Vincenzo e Paolo sono depressi dopo essere stati lasciati dalle rispettive fidanzate, Sara e Federica. I due non sono amici, si incontrano per caso e, riconosciuto l’uno nell’altro lo stesso scoramento, decidono di concepire un piano per vendicarsi delle ex: Vincenzo farà innamorare di sè Federica, mentre Paolo farà lo stesso con Sara, dopodichè i due andranno avanti in sincrono e abbandoneranno le rispettive conquiste spezzando loro il cuore. Ma non tutto filerà liscio come l’olio, a causa anche di Alberto, un attore squattrinato che dovrebbe fare l’autista di Vincenzo, ma che non accetterà più il ruolo di subalterno.

La vita concepita come un teatro
Tratto da un soggetto di Paolo Genovese e sceneggiato da Salemme e Calabresi, il film rispecchia una certa struttura teatrale, com’è tipico dei film di Salemme, che anche al cinema non ha mai dimenticato il suo primo amore. Così la commedia si presenta come una riflessione stessa sul teatro e persino sul mestiere stesso dell’attore, come le battute memorabili sui tempi della recitazione per essere davvero convincenti fino all’ego spropositato dei protagonisti che trasformano ogni dialogo in un monologo, autoironicamente rappresentati. C’è spazio anche per gli attori ossessionati dall’identificazione con il ruolo (“Devi entrare nel personaggio? Apri la porta ed entri!”) e quegli interpreti fissati con la perdita dell’accento regionale, salvo recuperarlo appena s’arrabbiano. E non mancano vere e proprie lezioni di teatralità napoletana, tra omaggi al grande Eduardo e la vitalità tutta partenopea della sempre bellissima Autieri. Tutti ingredienti che saranno sicuramente apprezzati dal pubblico tralasciando qualche piccola implausibilità. Il film funziona, buona visione. Il trailer ufficiale: Se mi lasci non vale, trailer.



Leggi anche: