Scroll to Top

Secondo uno studio prostitute hi-tech nel 2050, addio al mestiere più antico del mondo

La novità è più che positiva. Insieme alle prostitute in carne e ossa spariranno infatti anche lo sfruttamento delle donne e le malattie a trasmissione sessuale. Già in produzione le prime bambole super realistiche che saranno pronte a tutto

Secondo uno studio prostitute hi-tech nel 2050, addio al mestiere più antico del mondo

Sarà pur il mestiere più antico del mondo, ma tra qualche anno sarà destinato a scomparire. Addio alle prostitute in carne e ossa, arrivano infatti le nuove “ragazze” hi-tech pronte a tutto. Molti non saranno d’accordo, ma la novità potrebbe essere invece più che positiva, dal momento che insieme alle attuali prostitute spariranno anche gli sfruttamenti e i rischi per la salute. L’idea viene da alcuni ricercatori neozelandesi che hanno realizzato uno studio dedicato a “Robot, Uomini e Turismo sessuale”, stabilendo che entro il 2050 le prostitute in carne e ossa scompariranno per lasciare il campo alle prostitute-robot. I ricercatori Ian Yeoman e Michelle Mars dell’università Victoria di Wellington hanno riferito che il turismo sessuale, oggi considerato riprovevole, tra qualche anno diventerà un modo alternativo per viaggiare. Ancora manca molto perché ciò avvenga, ma intanto sarebbe già iniziata la produzione di bambole super realistiche, che presto saranno indicizzate per essere pronte a tutto e soddisfare ogni richiesta dei clienti.

Addio allo sfruttamento e alle malattie
Potrebbe sembrare assurdo e troppo futuristico, o impensabile che i cosiddetti turisti sessuali preferiscano un robot, ma in realtà non è così. La novità avrebbe inoltre solo del buono: tramonteranno infatti lo sfruttamento delle donne e le malattie a trasmissione sessuale. Tutto sarà più sano in un mondo che purtroppo, si sa, non cenna a sparire. Ma ancora per poco! Secondo gli studiosi presto non ci saranno più le case chiuse, ma si potranno trovare negozi specializzati nell’affittare “ragazze” hi-tech.



Leggi anche: