Scroll to Top

Usa, bimbo di 6 anni spara e uccide il fratellino di 3: giocavano a “guardie e ladri”

Per il piccolo, colpito alla testa, non c’è stato nulla da fare. Il padre, il 25enne Michael Santiago, è finito sotto accusa. L’arma era avvolta nei pantaloni di un pigiama

Usa, bimbo di 6 anni spara e uccide il fratellino di 3: giocavano a "guardie e ladri"

Giocavano a “guardie e ladri” con la pistola del papà fino a che non è partito accidentalmente un colpo, ponendo fine alla vita di un bambino di soli 3 anni. Si tratta dell’ennesima tragedia consumatasi negli Stati Uniti, precisamente a Chicago, dovuta alla facilità con cui si può entrare in possesso di un’arma da fuoco. Dalla ricostruzione dei fatti è emerso che due fratellini, uno di 6 anni, e l’altro di 3, stavano giocando a guardie e ladri con la pistola del padre, Michael Santiago (25 anni), trovata dal fratello maggiore sopra il frigorifero, dove era avvolta nei pantaloni di un pigiama. Dall’arma sarebbe poi partito accidentalmente un proiettile, che ha colpito alla testa il bambino di tre anni. In quella maledetta giornata i genitori dei bambini si trovavano a lavoro, e a casa con loro c’era solo il nonno. L’anziano, interrogato subito dopo i fatti, ha raccontato alle autorità di aver sentito uno sparo al piano di sopra, proprio dove stavano giocando i due fratellini. E’ dunque corso a vedere cosa stesse succedendo, trovando il nipotino di tre anni in un lago di sangue. A nulla è valsa la disperata corsa in ospedale. Per il piccolo non c’è stato nulla da fare, perché morto sul colpo.

Pistola acquistata illegalmente
Il padre dei due bambini, il 25enne Michael Santiago, è finito sotto accusa. È stato prima arrestato e poi rilasciato su cauzione, ma potrebbe essere incriminato dalla polizia per altri reati. Da quanto riportato pare infatti che l’uomo aveva bisogno di protezione e per questo motivo avrebbe acquistato illegalmente la pistola dal membro di una gang. Inoltre ha confessato di aver mostrato l’arma al figlio dopo averla comprata, e cioè una settimana prima della tragedia, spiegandogli che poteva essere usata solamente dagli adulti.



Leggi anche: