Scroll to Top

Usa, dati shock: ogni anno centinaia di figli di militari stuprati da colleghi o parenti

È quanto emerge dai dati raccolti dal Dipartimento della Difesa Usa secondo cui solo tra il 2010 e il 2014 sono stati accertati 1.584 casi di violenze sessuali ai danni di figli di membri delle forze armate. A commettere tali crimini per lo più sottufficiali

Usa, dati shock: ogni anno centinaia di figli di militari stuprati da colleghi o parenti

Sono centinaia i bambini e le bambine figli di membri delle forze armate Usa che ogni anno vengono stuprati dai militari. Spesso anche dai membri delle loro stesse famiglie. È la tragica realtà mostrata dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti tramite una serie di dati raccolti e forniti alla Associated Press. Secondo questi sconvolgenti dati, solo tra il 2010 e il 2014 sono stati accertati addirittura 1.584 casi di violenze sessuali ai danni di figli di membri delle forze armate. Di questi 840 sono bambini, e 332 sono stati vittime di abusi compiuti dai loro stessi parenti. Il Dipartimento della Difesa ha volutamente omesso in questi dati nomi ed età degli aggressori e delle vittime, oltre al luogo in cui sono state perpetuate le violenze e le autorità a cui è stata presentata denuncia. In questo modo si vuole evitare l’identificazione delle singole vittime ed eliminare una loro seconda possibile ‘vittimizzazione’. Si parla inoltre di violenze commesse nella maggior parte dei casi da sottufficiali, e in 49 casi da ufficiali. Almeno 160 bambini potrebbero invece essere stati violentati ripetutamente da militari americani, tra il 2010 e il 2014.

Abusi sessuali su minori: il crimine maggiormente commesso dai militari Usa – Nel novembre del 2014 sempre la Associated Press pubblicò un’inchiesta simile in cui emerse che nelle prigioni militari Usa il numero dei detenuti per abusi sessuali nei confronti di minorenni e soprattutto di bambini di età inferiore ai 10 anni è il più alto rispetto a tutti gli altri crimini commessi. Un’atroce verità che, tuttavia, a causa del sistema giudiziario delle forze armate degli Stati Uniti, non permette di conoscere l’esatta entità dei crimini commessi dai militari, né tantomeno le loro condanne temporanee e definitive.



Leggi anche: