Scroll to Top

Bari: 25enne partorisce in un bagno pubblico a Corato: “Voleva disfarsi del neonato”

E’ accaduto in un market a Corato, nel Barese; sia la madre che il neonato stanno bene. La donna è piantonata in ospedale dai carabinieri in quanto i primi soccorritori accorsi in suo aiuto hanno dichiarato ai militari che la ragazza voleva disfarsi del piccolo

Bari: 25enne partorisce in un bagno pubblico a Corato: "Voleva disfarsi del neonato"

Il 4 dicembre una ragazza di 25 anni ha partorito nel bagno di un minimarket a Corato, in provincia di Bari; sia la donna che il bambino, nato in ottima salute, stanno bene e sono ricoverati all’ospedale Umberto I, ma la ragazza è piantonata nella sua stanza dai carabinieri, che stanno valutando la sua posizione in merito. Sembra infatti, dalle prime testimonianze, che la giovane abbia partorito in quel bagno per disfarsi successivamente del piccolo, ma gli inquirenti non si sbilanciano. Per il momento, è un sospetto che aleggia nel reparto di Ostetricia. I primi ad alimentare sottovoce questo dubbio sono stati i soccorritori che hanno rinvenuto la ragazza nel bagno in evidente stato di shock, ma anche la proprietaria del minimarket, Anna Maldera, spinge per l’ipotesi del tentato infanticidio: «Mi ha subito detto che non voleva tenerlo – ha raccontato – ci ha chiesto esplicitamente di portarlo via perchè non lo voleva, sembrava molto agitata come se temesse la reazione dei genitori o di qualcun’altro. Ho provato a farla riflettere e ha insistito affinchè la accompagnassi in ospedale, poi sono arrivati i soccorritori del 118 e l’hanno portata via».

C’è un’indagine in corso da parte dei carabinieri
I soccorritori del Ser Corato hanno messo in salvo sia il bambino che la madre; una delle responsabili della postazione del 118, Marianna Tarantini, non ha commentato la possibilità che la giovane volesse liberarsi del bambino, ma ha ammesso l’esistenza di un’indagine in corso da parte dei carabinieri. I militari hanno informato il magistrato di turno alla procura di Trani, Alessandro Pesce, e allertato i servizi sociali del Comune di Corato.



Leggi anche: