Scroll to Top

Fatturazione elettronica, al via la sperimentazione: tutti i servizi e i vantaggi

E’ iniziata l’era della fatturazione elettronica tra privati che entrerà ufficialmente in vigore nel 2017; tutte le informazioni e la documentazione per gestire le fatture sono disponibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Conosciamo tutti i servizi e vantaggi di questa novità

Fatturazione elettronica, al via la sperimentazione: tutti i servizi e i vantaggi

La fatturazione elettronica tra privati entrerà ufficialmente in vigore il 1 gennaio 2017; nel frattempo è stata già approntata la sperimentazione mentre l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul proprio sito ufficiale tutti i documenti e le indicazioni per la gestione delle fatture tra privati. Tutto nasce dalle direttive dell’OCSE che ha imposto di utilizzare la tecnologia anche per semplificare i rapporti e i controlli tra pubblica amministrazione e privati. In questo modo si capiranno subito i movimenti fiscali delle aziende e l’Agenzia faciliterà molti servizi oltre ad offrire alcuni vantaggi. Andiamo a vedere quali. Per prima cosa, tutte le aziende che lavorano con la Pubblica Amministrazione dovranno fare ricorso alla fattura elettronica, un obbligo che già esiste dal 2015. La fatturazione elettronica è un postino virtuale che si prende carico di tutte le fatture per poi trasferirla alla PA dopo aver appurato che non vi siano errori nei codici e nella struttura dei documenti.

Servizi e vantaggi
Questo nuovo sistema è valido sia per le aziende che collaborano con la PA sia per i privati; anche per questi ultimi la documentazione è sul sito dell’Agenzia. Dal 2017 grazie al sistema sarà possibile trasmettere le fatture ai clienti privati e i dati delle fatture attive e passive da trasmettere all’Agenzia delle Entrate. Inoltre, tutti i dati potranno essere memorizzati per la trasmissione diretta all’Agenzia. La novità principale sarà che con il sistema elettronico si potranno anticipare i controlli, dato che quest’ultimo verifica la conformità del formato, l’imponibile, l’importo dei documenti e il prezzo totale. Se non avviene il controllo o viene ravvisato qualche errore, il file sarà automaticamente scartato. Già dal primo agosto di quest’anno la sperimentazione sarà attiva.

Per la trasmissione e la memorizzazione delle fatture da e verso i privati bisogna cliccare sul servizio “Fatture e corrispettivi” presente sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Tra i vantaggi, oltre alla semplificazione di molti servizi che a tutt’oggi richiedono una trafila interminabile, anche l’esonero per i privati dall’invio dello spesometro, delle comunicazioni delle operazioni con i Paesi inseriti nella black list e dell’invio dei modelli Intrastat.


Vuoi rimanere aggiornato? Segui la nostra fanpage Facebook. Clicca su 'Mi piace':

Per rimanere aggiornato su Twitter clicca su 'Segui':

Leggi anche: