Scroll to Top

Legge di Stabilità 2016: Camera approva tagli su pensioni e finanzia istruzione e sicurezza

La Camera approva i finanziamenti sull’istruzione, sicurezza e cultura. Scontri su tagli pensionistici, sul Salva Banche e computo dell’Isee. Si attende giovedì per il passaggio al Senato

Legge di Stabilità 2016: Camera approva tagli su pensioni e finanzia istruzione e sicurezza

La Camera si è riunita durante la giornata del 19 dicembre per poter analizzare tutti i 993 commi della Legge di Stabilità. Approvati subito, senza ombra di dubbio alcuno da parte della camera, i fondi per combattere le emergenze terroristiche. I finanziamenti sono stati trovati aumentando il deficit da 2,2% a 2,4%: così, come già stabilito da Matteo Renzi, sono stati recuperati due miliardi di euro per migliorare la lotta al cybercrime, 50 mln per gli equipaggiamenti delle forze dell’ordine. Il secondo punto del giorno sono stati i miglioramenti scolastici: per le scuole statali saranno stanziati circa 23 mln, e per gli atenei circa 6 mln. Inoltre è stato approvato l’emendamento sul bonus di 500 euro per i diciottenni da usare per le iniziative culturali, per acquistare libri, per l’ingresso in mostre e gallerie, oltre che in aree archeologiche. E sebbene è stato rinviato di un anno il cosiddetto `school bonus´, vale a dire il credito di imposta per le erogazioni liberali, sono però sorti dei bonus per gli studenti iscritti ai conservatori, che riceveranno 1000 euro una tantum per l’acquisto di strumenti musicali. I giovani 18 enni, inoltre, avranno diritto al bonus di 500 euro da usare per iniziative culturali, tra cui l’acquisto di libri, l’ingresso in gallerie e monumenti, musei, eventi culturali e spettacoli dal vivo.

Tramite i tagli saranno risparmiati circa 200 mln – Per le aziende ospedaliere ci saranno contratti flessibili fino a luglio, prorogabili fino a ottobre, in attesa di nuove decisioni da prendere entro marzo, poi si pensa all’assunzione del 50% ai precari. Tuttavia ci saranno tagli sul materiale medico di circa 30 mln. Sale dal 2016 la no tax area per le pensioni che verranno ridotte solo se l’inflazione risulterà essere più alta dello 0%, in ogni caso resta la soglia di 1.000 euro per i pagamenti contanti. Per il decreto “opzione donna” si è deciso che il congedo di maternità sarà obbligatorio e farà il suo ingresso, in via sperimentale, il voucher baby sitter esteso alle madri lavoratrici autonome e imprenditrici. Per i lavoratori co.co.co. (collaboratori coordinati e continuativi) arriva infine l’indennità di disoccupazione, in attesa di ulteriori sviluppi nel mese di marzo. Per quanto riguarda le associazioni culturali, si riduce anche il fondo per il finanziamento del 2 per mille da 110 a 100 mln.

Investimenti nella cultura
Tuttavia saranno gli stessi cittadini che dal 2016, potranno destinare il 2 per mille dell’Irpef in favore di un’associazione culturale. Tra i tanti emendamenti approvati anche una proposta che stanzia 120 milioni in 4 anni per la valorizzazione dei beni culturali, tra cui anche per la città di Matera. La capitale della cultura, avrà spese più facili e prevederà l’assunzione di personale nella stessa città entro il 2019. La proposta precisa che le assunzioni dovranno riguardare solo «contratti flessibili, nei limiti di quanto strettamente necessario allo svolgimento dell’evento». La Camera ha poi approvato l’emendamento che conferma il fondo da 10 milioni di euro all’anno nel triennio 2016-18 sul credito alle aziende sequestrate e confiscate alla criminalità organizzata ma che fa saltare l’automatismo nel reperimento delle risorse per gli anni successivi al 2018. Arrivano 7 milioni, 2 nel 2016 e 5 nel 2017, per finanziare le organizzazioni caritatevoli che si occuperanno della consegna del cibo e merci alimentari per le famiglie indigenti.

Scontri su Isee, banche e Canone Rai
Ci sono stati forti dibattiti sul computo dell’Isee: un emendamento, firmato da Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia ne chiedeva l’esclusione dal calcolo per chi ha pensioni d’invalidità o indennità di pagamento. A favore sono stati i deputati M5s che ricordano che sono stati finanziate molte risorse date ad associazioni previste dalla manovra e quelli della Lega, che ricordano che l’assegno vale 508 euro al mese. Il governo non l’ha approvato. Il vice ministro dell’Economia, Enrico Morando, che rappresenta il governo durante l’esame della manovra, argomenta: «La sede per la riforma dell’Isee non è la Legge di stabilità, se ne parlerà in ambito ‘politiche sociali’». Sul fronte salva banche sono 4 gli istituti di credito che si volevano salvare (Banca delle Marche, Banca Etruria, CariChieti e CariFerrara), tramite il suddetto ddl: è stata battaglia tra le varie opposizioni, ma alla fine è passato arricchito da una serie di misure che salvaguardano anche quei risparmiatori che hanno investito nei bond più rischiosi. Approvato anche l’emendamento sul Canone Rai 2016 con quasi tutti voti favorevoli: integrate le rate nella bolletta della luce, ma nel 2017 la tassa calerà e i pensionati usufruiranno di sconti.

Detrazioni su seconde case e nessuna supertassa per gli yatch – D’ora in poi sarà possibile comprare la prima casa in leasing, proprio come l’automobile. Inoltre a Montecitorio i deputati hanno deciso che anche la seconda casa, posseduta nello stesso Comune in cui si risiede, se data in comodato ai figli godrà dell’esenzione del 50% di Imu e Tasi. Ci saranno anche agevolazioni per chi pensa in “green”, anche le aziende: per i privati, chi ha un vecchio camper, ora lo potrà rottamare e se lo cambia con euro5 potrà beneficiare di un contributo di 8.000 euro. Restando nel campo dell’ambiente, ogni nucleo famigliare che opterà per sistemi di controllo a distanza del riscaldamento, otterrà un ecobonus. E’ stato inoltre rivisto anche il settore dei giochi presso la Camera: insieme a ritocchi sul fronte della tassazione, arriva lo stop alla pubblicità in tv e radio (ma non su internet) dalle 7 alle 22. In più, come decreti minori, è passato il decreto tramite cui, attraverso l’autovelox possono essere accertate le revisioni dei veicoli e le assicurazioni Rc auto. E dopo l’effettiva eliminazione della super tassa sulle imbarcazioni di lusso del Governo Monti, anche il caffè e il parcheggio potranno essere pagati con la carta di credito a partire da luglio. Nell’attesa di conoscere quali altri decreti sono stati definitivamente approvati, si attende ancora giovedì per la conferma finale del Senato.



Leggi anche: